Menu

Dehors: flop clamoroso ?

cantiere nautico mingolla1Qualche giorno fa davanti ad una sollecitazione di un esercente, all’interno di una discussione “social” sulla questione ZTL, che ricordava all’assessore all’urbanistica di produrre più fatti e meno parole anche sui Dehors, la stessa rispondeva: “…per fare chiarezza inequivocabile ricordo a tutti che il progetto esecutivo con parere favorevole della Soprintendenza è disponibile sul sito istituzionale…”. In realtà, a due mesi di distanza dalla pubblicazione del progetto definitivo dei Dehors sul sito del comune, la situazione risulta ancora critica.

Da quanto ci risulta, pare, che al momento nessuno degli operatori economici, abbia intenzione di realizzare alcunché, perché il progetto venuto fuori dal concorso di idee, non piacerebbe alla stragrande maggioranza degli esercenti del centro storico. Le maggiori criticità che sarebbero state rappresentate all’ufficio urbanistica, dagli stessi commercianti, riguarderebbero, intanto, il costo eccessivo dell’opera(400 euro circa a mq), quindi la presenza di vetri fissi intorno alla struttura che a parere dei commercianti dovrebbero essere sostituiti da “teli Cristal”, molto più comodi(e più economici) perché si possono abbassare ed alzare all’occorrenza, ed infine, agli operatori contattati, non piace l’installazione dei pannelli fotovoltaici per la ricarica di telefonini o altre apparecchiature elettroniche.

Ci chiediamo, dunque, perché non si sono raccolti preventivamente i suggerimenti e/o indicazioni degli operatori del settore prima di redigere il concorso di idee? La verità nuda e cruda e che oggi ci ritroviamo un elaborato che non piace a nessuno, costato più di 7000 euro alla collettività che, ribadiamo, poteva essere realizzato a costo zero se redatto dagli uffici comunali, come avviene in tante altre realtà d‘Italia; un progetto che, probabilmente, dovrà essere rinviato alla soprintendenza specie per l’approvazione della sostituzione dei vetri con i teli Cristal. Il Risultato è che si perderà altro tempo e ovviamente altri danari. Questa, purtroppo, dobbiamo dirlo, è un’altra evidente dimostrazione di spreco di risorse pubbliche e in generale di incapacità a gestire la cosa pubblica da parte dell’assessorato di riferimento, che quantomeno dovrebbe indurre il Sindaco a riflettere e a fare delle opportune verifiche.

Si spera, sinceramente, che questa “telenovela” finisca al più presto; che il progetto, laddove verrà rivisto, possa essere più sostenibile per gli operatori intenzionati a realizzare l’opera e che soprattutto, se si vogliono dare segnali tangibili di sostegno all’economia locale, prevedere, come abbiamo detto in altre occasioni, sgravi fiscali e/o forme di finanziamento agevolato, o magari abbattimento della Cosap (totale o parziale) per chi vuole fare l'investimento, da programmare nel prossimo bilancio di previsione.

Il Coordinatore di ProgettiAmo Mesagne    per Meetup Mesagne 5 Stelle
Antonio Calabrese                               Angelo Josè Pacciolla

Ultima modifica ilMercoledì, 02 Agosto 2017 14:58
Torna in alto