Menu

Mesagne. Nuova proroga della gestione del canile. Il Pd e Progettiamo insorgono

canile-mesagneCi risiamo! A due anni e mezzo da quando

si è insediata l’Amministrazione Molfetta è arrivata la sesta proroga tecnica del contratto di gestione del canile comunale. Il 2 marzo scorso, infatti, con determina dirigenziale, n. 397, è stata effettuata la proroga di ulteriori tre mesi in favore della cooperativa “Terra Viva” di Mesagne. Purtroppo eravamo stati profetici quando non più tardi di due mesi fa denunciammo le responsabilità dell’Amministrazione per le condizioni nelle quali versava, e continua a versare, la struttura con grave disagio per i cani ricoverati nella stessa e per i lavoratori, ormai in esubero, che pur di non perdere il posto di lavoro accettano condizioni contrattuali sempre più svantaggiose. Preoccupati del fatto che si arrivasse nuovamente alla scadenza della proroga senza che fosse stata indetta una nuova gara, o con un bando che presentasse gli stessi limiti del precedente e non affrontasse il problema del personale, avevamo anche dato la nostra disponibilità a ricercare una soluzione. Un lavoro che nelle sedi istituzionali preposte si poteva svolgere coinvolgendo lavoratori e volontari e tenendo conto delle novità introdotte dalla giurisprudenza in materia, che consentivano di procedere ad una gara con il coinvolgimento di più soggetti impropriamente esclusi nel precedente bando andato deserto. Non solo questa disponibilità non è stata raccolta, come d’altro canto ci aspettavamo malgrado si sprechino gli inviti alla responsabilità strumentalmente rivolti all’opposizione, ma è stata ignorata fino ad oggi, con grave violazione del regolamento sul funzionamento del Consiglio, la richiesta di convocazione della competente commissione consiliare depositata ormai 20 giorni fa da parte dei consiglieri comunali del PD Ninni Mingolla e Rosanna Saracino con l’obiettivo di approfondire l’intera vicenda. Non ci sorprende quasi più, ma è davvero grave e danneggia la credibilità delle Istituzioni l’arroganza con cui l’Amministrazione Molfetta e la maggioranza che ne regge le sorti affrontano o, come in questo caso, non affrontano i problemi della città. Ben presto la partecipazione, il richiamo ad una condivisione delle responsabilità tra tutti i cittadini si sono rivelate solo parole roboanti che non hanno avuto alcuna aderenza con i comportamenti di questa Giunta. Non si garantisce, infatti, la partecipazione che si dovrebbe, per dovere istituzionale, garantire a chi è stato chiamato dagli elettori a svolgere il ruolo di consigliere comunale, figuriamoci se potranno mai essere coinvolti nelle scelte amministrative i cittadini. Se poi dovessero essere fondate le indiscrezioni che circolano su un bando già pronto per essere inoltrato alla stazione unica appaltante, che non presenterebbe novità sostanziali circa il problema del personale impiegato e delle risorse destinate, evidentemente insufficienti a garantire il benessere dei cani, non ci resta che ribadire le amare conclusioni alle quali eravamo già giunti. Se, di fronte all’ennesima proroga, non interverranno prima le autorità competenti in materia, a breve ci si dovrà porre il problema se continuare a garantire questo servizio con grave danno per la città, per i cani e per chi in quella struttura lavora o offre la propria attività di volontariato.

Partito Democratico circolo Mesagne

Progettiamo Mesagne

Ultima modifica ilLunedì, 20 Marzo 2017 08:35
Torna in alto