Caso Messe: l'Anpi pone il veto sulla statua In evidenza

Ottobre 17, 2020 416

L’Amministrazione comunale di Mesagne ha deciso di collocare il busto del generale Giovanni Messe, ultimo maresciallo d’Italia, nell’aiuola di piazza dei Commestibili. La decisione di giunta sarà ratificata dal Consiglio comunale che si svolgerà giovedì 22 ottobre presso Palazzo dei Celestini, sede della municipalità mesagnese. Una decisione che, secondo l’Anpi, mal si coniuga con il deliberato di qualche mese fa in cui a Liliana Segre, ebrea deportata nei campi di concentramento nazisti, è stata assegnata la cittadinanza mesagnese. La contrarietà alla posa del busto di Messe nasce dal fatto che egli è stato un ufficiale comandante prima al servizio del re e poi di Benito Mussolini. Un dibattito che va avanti da decenni tra coloro che vogliono mettere alla gogna il generale e coloro che vogliono riabilitare tale figura di soldato a servizio della Patria, al di la di chi fosse al governo. Così, la decisione dell’Amministrazione comunale di ridiscutere di tale argomento ha fatto esplodere la protesta. In primis da parte dell’Anpi di Mesagne che si è schierata contro tale decisione.  “La scelta di inserire tale punto all’ordine del giorno del prossimo Consiglio comunale offende la storia democratica e pacifista della nostra città”, è l’incipit di una nota diffusa ieri mattina dall’Associazione nazionale dei partigiani italiani - offende tutti coloro che hanno ridato, anche con il sacrificio della propria vita, al nostro Paese la libertà, la democrazia contro ogni forma di tirannia e assolutismo; offende tutti quei giovani che credono fermamente nell’importanza della legalità, della forma Repubblicana dello Stato e di tutti i principi costituzionali”.

Per tutte queste ragioni l’Anpi di Mesagne ha chiesto al Presidente del Consiglio comunale, Omar Ture, al sindaco, Toni Matarrelli, ed a tutti componenti del Consiglio, della Giunta e della maggioranza di decidere da che parte stare: dalla parte di Liliana Segre e della Costituzione o da quella del Generale Messe?”. Intanto, in città si fa strada la proposta di chiedere il ritiro di tale ordine del giorno e di archiviare definitivamente il “Caso Messe”. “Mentre solo pochi mesi fa il Consiglio comunale di Mesagne conferiva la cittadinanza onoraria proprio alla senatrice Liliana Segre, quale simbolo e testimonianza di tutti coloro che sopravvissero alle barbarie nazi-fasciste; mentre Mesagne è riuscita, in meno di un anno, a ricostituire una sede locale dell’Anpi, riunendo oltre 100 consociati che nei valori e nei principi della pace, della libertà, della democrazia e dell'antifascismo si riconoscono; mentre a livello mondiale, nazionale e locale aumenta il bisogno di far conoscere anche ai più giovani i sacrifici umani di coloro che sono morti per la libertà, il presidente del Consiglio comunale, Omar Ture, convoca il sindaco ed i consiglieri per la seduta del 22 ottobre 2020, inserendo all’ordine del giorno anche il punto: “Giornata commemorativa in onore del maresciallo d’Italia Giovanni Messe e individuazione sito per la collocazione del busto", è scritto nella nota dell’Anpi. Tuttavia, il “caso Messe” ha creato una frattura anche tra gli storici poiché ci sono coloro che vogliono recuperare la figura del generale e coloro che lo vogliono continuare a studiare senza, al momento, nessun riconoscimento pubblico.

 

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci