Primo premio assoluto di poesia in lingua per il poeta Francesco Galasso

Settembre 20, 2019 1786

galasso francesco set19Il poeta Francesco Galasso ha ricevuto, nei giorni scorsi, il Primo premio assoluto per la poesia in lingua, alla seconda Edizione del Premio Letterario Nazionale di Guagnano (LE). Il concorso era organizzato dalla Pro Loco di Guagnano ed aveva il patrocinio del Comune. La Kermesse si è svolta presso il Museo del Negramaro ed è stata condotta, magistralmente, dalla scrittrice e giornalista Valentina Perrone in collaborazione con il Prof. Ronny Trio, docente presso l’Università del Salento.

Erano presenti all’evento il Sindaco Dino Sorrento, il Vicesindaco Danilo Verdoscia ed altri componenti dell’Amministrazione Comunale nonché il Presidente della Pro Loco Antonio Congedo.

Il Premio Letterario ha visto la partecipazione di numerosi autori da ogni parte d’Italia ed era articolato in due sezioni: poesia e racconti brevi sul tema “La vita contadina: ieri e oggi”. Dopo un’accurata selezione della Commissione, composta da: dr.ssa Silvia Grasso, dr.ssa Francesca Pastore e Avv. Scrittore Davide Simeone, è stato decretato per la poesia, come vincitore assoluto, il poeta mesagnese Francesco Galasso con la lirica “L’età più bella”. «La descrizione in modo aulico e poetico della vendemmia, nel territorio salentino, vista come una festa con canti popolari e tramonti infuocati in contrasto con l’oggi, ormai, tutto meccanizzato», non ha lasciato dubbi alla giuria nel definire il premio assoluto. Così recitano alcuni versi della lirica: “… / Canta il crepitio delle forbici / ed il nettare dell’uva brucia / le ferite delle falangi. / Danzano nell’aria muliebre / struggenti melodie d’amore / e la festa avvampa nel petto / con l’aria colma di moscerini…”. A Francesco Galasso, già pluripremiato in altri concorsi, è stata conferita una targa e un prodotto tipico del territorio.

Nella foto da sx: il Presidente della Pro Loco di Guagnano Antonio Congedo, Francesco Galasso e la giornalista e scrittrice Valentina Perrone.