Menu

Mesagne. Arrestato per evasione dai domiciliari

CLETI-ANTONIOI carabinieri della stazione di Mesagne hanno tratto in arresto Antonio Cleti accusato di evasione. Il giovane si trovava agli arresti domiciliari ed era sottoposto alle misure di controllo e prevenzione crimine. Proprio durante uno di questi controlli non si sarebbe fatto trovare in casa.

Da qui la decisione dei magistrati di arrestarlo e trasferirlo nel carcere di Brindisi. L’episodio si è verificato alcuni giorni fa quando i carabinieri di Mesagne, durante i controlli delle persone soggette a misure di prevenzione crimine, si sono recati nell’abitazione di Antonio Cleti, di 29 anni, residente nel rione Paisiello, per controllarlo. Hanno bussato alla sua abitazione ma nessuno ha aperto. Hanno bussato e ribussato più volte. A quel punto hanno redatto un verbale di constatazione dichiarando il Cleti irreperibile. Da qui è scaturita la decisione dei magistrati di ricercare il giovane e arrestarlo. Una volta ritrovato i militari l’hanno trasferito presso il carcere di Brindisi. Il Cleti si trovava agli arresti domiciliari su disposizione della Corte di Appello di Lecce poiché sospettato di aver compiuto, il 20 aprile 2012, una rapina, insieme a un complice, presso l’ufficio postale di Ceglie Messapica. Qui i due erano giunti a bordo di uno scooter. Uno di loro era entrato nell’ufficio postale indossando un casco integrale e sotto la minaccia di una pistola si era fatto consegnare il contenuto della cassa: circa 2.500 euro. Poi entrambi erano fuggiti trovando ricovero in un‘autofficina della zona. Avevano nascosto il bottino parte addosso e in parte in un‘auto. Nel frattempo i carabinieri avevano acquisito le immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza e si erano messi alla loro ricerca. Dopo diversi controlli avevano rintracciato i due giovani e li avevano inchiodati alle loro responsabilità. Durante le fasi della rapina due impiegate erano state colte da malore. Sul posto era intervenuta un’equipe di sanitari del 118 che avevano portato soccorso alle due vittime.  

Torna in alto