Mesagne. Furgone contromano sulla statale 7

Settembre 01, 2016 2532

statale 7 e poliziaRischio di collisione ieri mattina a Mesagne

lungo la statale 7 dove un furgone viaggiava contromano in direzione Taranto. Gli automobilisti hanno lanciato l'allarme alla Polstrada che ha inviato sul posto delle volanti per intercettare il mezzo. Alla ricerca si sono unite delle pattuglie della polizia locale e una unità del 118 fatta giungere sul posto in caso di pericolo. Il furgone, tuttavia, al primo svincolo ha svoltato, si è immesso nella corsia di marcia corretta ed ha proseguito il viaggio senza che le pattuglie riuscissero a intercettarlo. L'episodio si è verificato intorno alle ore 13 nei pressi dello svincolo per Mesagne Est, primo svincolo provenendo da Brindisi, quando alcuni automobilisti che viaggiavano in direzione Brindisi si sono trovati di fronte un furgone che proveniva in senso contrario. Immediatamente hanno preso i telefonini e hanno allertato il centralino del 113. Gli agenti hanno girato la richiesta alla Polstrada che ha inviato sul posto alcune sue volanti mentre da Mesagne sono partite pattuglie di polizia e vigili oltre a un'ambulanza del 118. Gli agenti hanno cercato in lungo e in largo il mezzo senza riuscire a intercettarlo. Secondo la testimonianza di alcuni automobilisti il furgone è uscito al primo svincolo utile e dopo aver percorso una complanare e un ponte si è immesso sulla statale 7 nella giusta corsia ed ha proseguito tranquillamente il suo viaggio. Nello scorso mese di giungo un vecchietto aveva seminato il panico sulla statale 7 viaggiando contromano. Solo la prontezza di spirito di due vigili urbani, in servizio con l’autovelox sulla statale, che si erano letteralmente catapultati, scavalcando il new jersey, con paletta sulla corsia interessata aveva permesso di rallentare il traffico ed evitare un grave sinistro. Il vecchietto, come se nulla fosse ed incurante del pericolo che aveva causato sull'arteria dei "Due mari", aveva voltato su uno svincolo laterale per la provinciale per San Vito dei Normanni e si era dileguato tra lo sbigottimento dei presenti.