Menu

La campionessa Monica Priore ringrazia gli angeli custodi per avergli salvata la vita

priore_monica_a_palermoIl 10 giugno u.s. sono stata colpita da ipoglicemia grave mentre ero in macchina da sola, sono riuscita fortunatamente ad utilizzare le ultime energie rimaste per fermarmi in una piazzola di sosta, le ultime cose che ricordo sono che un signore mi ha aperto lo sportello della vettura e mi ha aiutata a scendere, era un civile ed era con altre persone, mi hanno sdraiata sull'asfalto e mi hanno bagnata il volto e poi mi hanno sollevato le gambe dopo di che io ho perso i sensi. Presuppongo che qualche vettura che era dietro di me forse vedendo una guida non proprio precisa da parte mia prima di riuscire ad accostarmi nella piazzola di sosta, ha pensato che non stessi bene, infatti devo ringraziare anche queste persone di cui ignoro i volti ed i nomi che mi hanno prestato il primo soccorso.

Dopo essere stata stesa sull'asfalto ho perso i sensi e credo che in quel frangente siano arrivati i carabinieri che hanno chiamato il 118 e che rispondendo ad una telefonata arrivata sul mio cell hanno chiesto all'interlocutore se io soffrissi di epilessia, chi era dall'altra parte ha subito negato questa cosa dicendo che io ero diabetica. In questo modo i carabinieri hanno potuto avvisare il medico del 118 del mio problema, permettendo così un intervento corretto da parte del 118 che ha fatto si che io restassi in vita. L'intervento dei carabinieri è stato molto importante, quel giorno si sono incastrati una serie di eventi apparentemente casuali che mi hanno permesso di restare in vita. La Dott.ssa del 118 mi disse che dovevo ringraziare solo i carabinieri, ma nessuno mi ha saputo dare informazioni precise riguardo a loro, pertanto ho scritto al Comandante Generale dell'Arma, che si è prontamente attivato per cercare questi carabinieri, e ieri li ho potuti incontrare di persona, è stato emozionante per me dargli finalmente un volto e scambiare qualche parola con loro, sono tre persone in gamba e mi ha colpito molto la loro modestia, perchè per loro quello che hanno fatto per me è routine. Tu credi negli angeli? Io si, e quel giorno i miei hanno avuto veramente molto da fare.

 

Ultima modifica ilMercoledì, 18 Luglio 2012 09:40

Video

Torna in alto