Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 62
  • Errore nel caricamento dei dati del feed
Menu

Mesagne: Percorso ad ostacoli per ambulanza del 118

vico-dei-vereneo-con-ambulanzaUn’ambulanza del 118, domenica sera, è rimasta bloccata nel centro storico cittadino poiché sul normale percorso programmato per l’intervento era in atto una manifestazione di “Mesagne estate 2012”. L’autista non si è perso d’animo, ha fatto inversione di marcia e con un largo giro ha poi raggiunto contromano l’abitazione in cui c’era un uomo colto da malore. Questo episodio ha messo in evidenza la necessità di lasciare nell’antico borgo cittadino delle corsie preferenziali di transito per i mezzi di soccorso.

Il tutto mentre sempre più numerosi, durante la sera, gli esercizi commerciali enogastronomici occupano le pubbliche vie per la somministrazione di alimenti e bevande inibendo, di fatto, il transito a eventuali mezzi di soccorso. L’episodio si è verificato domenica intorno alle 21 quando in via degli Azzollino, l’antica “Strada longa” un uomo è stato colto da malore. E’ stato chiesto l’intervento del 118. Un’ambulanza in pochi minuti è partita dall’ospedale “De Lellis”. L’autista ha studiato mentalmente il percorso. Molto particolare poiché via degli Azzollino è una strada stretta in cui un’ambulanza ha difficoltà a transitare. In ogni modo giacché il luogo in cui soccorrere l’uomo era nei pressi di piazza Orsini ha imboccato piazza Vittorio Emanuele, via Castello ed è giunta in piazza dove si è bloccata poiché era in corso uno spettacolo programmato nel cartello dell’estate mesagnese. L’autista ci ha messo pochi secondi per pianificare un percorso alternativo quindi ha fatto dietro front con l’ambulanza ed ha ripercorso via Castello, piazza Vittorio Emanuele e ha imboccato via Marconi e via Manfredi Svevo. Poi ha percorso contromano vico Dei Venereo e si è fermata all’imbocco con via degli Azzollino. I sanitari hanno quindi prestato i dovuti soccorsi. Questo episodio ha reso evidente una carenza urbanistica cittadina. Cioè, quella di non lasciare, anche durante i pubblici spettacoli, delle corsie di transito per i mezzi di soccorso. Corsie che, tuttavia, non possono essere lasciate in quelle stradine strette e sinuose del centro storico dove i proprietari degli esercizi enogastronomici collocano all’aperto sedie e tavolini per i clienti offrendo loro un valore aggiunto. Una usanza estiva che è gradita ai loro avventori e non solo. Infatti il tutto è stato regolarmente autorizzato dal Comune che ha, sull’estensione esterna dell’attività commerciale, incassato la relativa tassa per l’occupazione del suolo pubblico.

 

Ultima modifica ilMartedì, 10 Luglio 2012 08:36

Video

Torna in alto