Menu

Azim: fiducia non scontata per l'esecutivo Scoditti

carriero franco presidente azimOggi pomeriggio il sindaco Franco Scoditti presenterà in Consiglio comunale la nuova giunta per ottenere la fiducia dalla coalizione. Un risultato che non è affatto scontato. Infatti, tra molti consiglieri di centrosinistra serpeggerebbe l’intenzione di non votare la fiducia come ha spiegato Bruno Carriero, presidente dell’Azim.

“Dopo la protesta che abbiamo messo in atto nelle scorse settimane contro l’aumento delle tasse che sta mettendo in ginocchio l’economia – ha detto – abbiamo avuto diversi incontri con politici di entrambi gli schieramenti e posso assicurare che molti di loro sono fermamente convinti di non appoggiare il governo Scoditti”. Quindi, Carriero ha precisato: “Abbiamo appreso con rammarico della decisione del sindaco di cambiare due soli assessori di giunta e del premio che, invece, ha ricevuto l’ex assessore al Bilancio, Giancarlo Canuto, che è stato promosso ad assessore ai Lavori pubblici”. Intanto a Carriero non va giù la decisione assunta dal sindaco Franco Scoditti di nominare l’ex vice presidente dell’Azim, l’ingegnere Giorgio La Sala, assessore alle Attività produttive. “E’ stata una scorrettezza del sindaco – ha osservato il presidente Carriero – che, in ogni modo, non ha bloccato le nostre iniziative anche se ci ha spiazzati”. Intanto gli imprenditori della zona industriale stanno pianificando le prossime giornate di protesta e stanno predisponendo dei cartelli da mettere davanti alle aziende con su scritto: “Chiuso per crisi”. “E’ vero – ha confermato Carriero – stiamo predisponendo con tutti gli altri colleghi delle iniziative forti come quella, ad esempio, di serrare le nostre attività in segno di protesta. Le chiavi, peraltro, le abbiamo già consegnate giorni fa al sindaco senza ottenere nessun risultato. Se bloccano noi fermano l’economia della nostra città”. Intanto all’Azim si stanno avvicinando diversi commercianti e artigiani che “non hanno più fiducia nelle azioni di lotta intraprese dalle loro organizzazioni di categoria”, ha concluso Carriero. 

Video

Torna in alto