Menu

Ecco chi sono i 16 arrestati nell'operazione "Die Hard" della polizia. Tra questi i probabili mandanti ed esecutori dell'intimidazione a Marini

Arrestati_operazione_Die_HardBlitz della polizia a Mesagne e altri centri del brindisino. 16 le persone tratte in arresto nell’operazione denominata “Die Hard”. L’operazione, ancora una volta, è condotta dalla Dda di Lecce. I reati contestati vanno da associazione per delinquere di stampo mafioso a estorsione consumata e tentata, porto e detenzione illegale di arma da sparo, danneggiamento aggravato, incendio aggravato. A mettere in campo circa 100 uomini è la Squadra mobile di Brindisi e il commissariato di Mesagne. In queste ore unità di polizia, anche con il supporto cinofilo, stanno eseguendo una serie di perquisizioni domiciliari. Tra gli arrestati vi potrebbero essere anche i mandanti e gli esecutori dell'atto intimidatorio perpetrato ai danni di Fabio Marini, presidente dell'antiracket di Mesagne.

Su questo punto gli investigatori sono stati piuttosto evasivi poichè vi sono ancora delle indagini in corso. Per cui al momento è d'obbligo il condizionale. In ogni modo sembra che sono fiduciosi di poter affibbiare a qualcuno degli arrestati o indagati la responsabilità dell'incendio della Mercedes del presidente dell'antiracket, Fabio Marini. Gli investigatori stanno lavorando a questo particolare filone di indagine e non è escluso che quanto prima possano arrivare buoni risultati. In ogni modo al momento al gruppo non c'è nessun particolare addebito relativo al "Caso Marini". I provvedimenti cautelari sono stati firmati dal gip, Alcide Maritati, su richiesta del procuratore della Dda di Lecce, Cataldo Motta e del pm Alberto Santacatterina. Questi gli arrestati: Rosario Capodieci di anni 33 residente a Mesagne; Ivan Carriero di 29 anni di Mesagne; Antonio Centonze brindisino di 44 anni; Nicola Destino di Mesagne di 23 anni; Francesco Gravina alias Chicco Pizzaleo mesagnese di 52 anni; Francesco Gravina alias Gabibbo di  39 anni residente a Mesagne; Cosimo Giovanni Guarini 34enne di Mesagne; Giovanni Longo di 39 anni residente a Mesagne; Tobia Parisi di 31 anni; Massimo Pasimeni alias Piccolo dente, mesagnese di 44 anni; Pasimeni è in carcere. Inoltre sono stati arrestati Alessandro Perez 23enne di Mesagne; Marco Petrachi 24 anni di Mesagne; Marcello Romano di 35 anni di Mesagne; Vito Stano 32enne di Brindisi; Giuseppe Stranieri di Mesagne di 39 anni; Vincenzo Solazzo alias Piddecchia mesagnese di 40 anni. Altri cinque individui sono indagati a piede libero.
Agli arrestati sono stati contestati una serie di episodi criminali che gli investigatori hanno ricostruito con la collaborazione del collaboratore di giustizia Ercole Penna.
Ultima modifica ilMercoledì, 09 Maggio 2012 17:08
Torna in alto