Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 62
  • Errore nel caricamento dei dati del feed
Menu

Sulla strage solo sospetti nessuna prova

bassi_melissa_scuola_pompieriSulla strage delle studentesse della "Morvillo-Falcone" di Brindisi, avvenuta sabato scorso, vi sono solo sospetti nessuna prova certa. E' quanto emerso nella giornata di ieri che denota quanto le parole del procuratore capo della Dda di Lecce, Cataldo Motta, sia state profetiche confronto a quelle del collega Di Napoli, quando ha chiesto produenza e non ha dato nessuna pista certa. Si indaga  per strage aggravata dalla finalita' di terrorismo.

L'impressione, a Brindisi, è che si vuole trovare un colpevole da consegnare all'opinione pubblica per calmare la sete di giustizia che si è elevata da più parti. L'impressione è, anche, che le indagini sono a un punto fermo. I fotogrammi delle telecamere di sorveglianza hanno consegnato ben poco agli investigatori. Resta, di certo, il dolore delle famiglie e delle comunità di Brindisi e Mesagne straziate dal dolore. Nel pomeriggio di ieri presso la questura di Brindisi si sono succeduti alcuni interrogatori di persone sospettate. Di prove, però, non ne sarebbero state raccolte tanto che tutti coloro che sono stati sentiti hanno fatto ritorno nelle loro case. A Brindisi, e non solo, si è scatenata una caccia all'uomo con alcuni episodi di intolleranza dove sia in Questura che nel quartiere S. Elia, dove abita due sospettati, alcune persone hanno cerato di aggredire le persone interrogate. Restano, quindi, in piedi due ipotesi. O che la strage è opera di un folle, in questo caso un professionista alla luce della tipologia di attentato messo in atto, oppure si tratta, come ha detto Cataldo Motta, di un'azione terroristica. Magari slegata da altre azioni similari ma messa a segno da parte di cellule "dormienti". Una azione criminale che ha messo in difficoltà anche gli apparati di intelligenze impreparati su questo episodio. Le indagini, alla luce di queste considerazioni e di quanto ha riferito il procuratore capo della Dda di Lecce, saranno lunghe poichè è da costruire un intero mosaico criminale.

 

Ultima modifica ilMartedì, 22 Maggio 2012 10:30
Torna in alto