Logo
Stampa questa pagina

Papà Massimo protetto dal Presidente Orsini

bassi-massimo---orsini-fernUna figura fondamentale cui il papà di Melissa, Massimo, si è aggrappato per non cadere nel baratro dello sconforto è stato il presidente del Consiglio comunale di Mesagne, Fernando Orsini. Fin dalla mattina di sabato, infatti, Orsini è stato a fianco della famiglia Bassi e non li ha mai lasciati soli.

Si è diviso tra l’abitazione di via Torre e l’ospedale “De Lellis”. E’ stato lui che ha tenuto i contatti con i medici e con la burocrazia. Ha cercato di consolare Massimo e Rita e nello stesso tempo di aiutarli in questo dura battaglia. Ed è stato ancora lui, pur tra la commozione, a ringraziare quanti hanno partecipato al dolore della famiglia. Nel messaggio letto in chiesa da Orsini, a conclusione del funerale di Melissa, i genitori della ragazza hanno ringraziato il Papa e i rappresentanti delle istituzioni nazionali e locali a cominciare dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano che ha inviato una corona con due corazzieri, fino ad arrivare ai sindaci dei piccoli comuni della provincia di Brindisi che hanno partecipato con i gonfaloni alla cerimonia funebre. Ha poi ringraziato tutti i giovani che in questi giorni si sono mobilitati in moltissime città italiane per ''testimoniare il loro dolore''. ''Da sabato - e' scritto nel messaggio - tutta la gente per bene e laboriosa ha pronunciato il tuo nome, Melissa, non lo ha pronunciato sicuramente colui o colei che con quelle mani assassine ha spezzato i tuoi sogni''. ''Non sono però riusciti a sradicarti dal cuore di tua mamma e tuo papà''. ''Solo tu potrai dare la forza ai tuoi genitori per continuare ad andare avanti''. Orsini ha presentato al papà le cariche dello Stato che hanno partecipato ai funerali. E lui li ha ringraziati tutti tra i pianti e con lo sguardo sempre rivolto al corpo di Melissa custodito in una bara bianca a pochi metri da lui. Orsini è stato, e lo sarà anche nei prossimi giorni, un congiunto acquisito per la famiglia Bassi-Muri. Uno zio per Melissa. Perché Melissa, come hanno scritto su alcune magliettine bianche i suoi compagni di classe: “Resterà nei nostri cuori per sempre”.

 

Ultimi da

© 2012 Il Gazzettino di Brindisi - Quotidiano online di informazione regionale con la cronaca in tempo reale, 24h su 24h
Registro stampa Tribunale di Brindisi 01/2006 - Direttore Tranquillino Cavallo
Realizzato da Medì s.r.l. - Amministrazione