Mesagne. Incidente su un cantiere, un ferito In evidenza

Giugno 30, 2022 1389

Un gravissimo incidente sul lavoro si è verificato in un cantiere edile di Mesagne, dove una parte del soffitto, per cause ancora in fase di indagine, è crollando investendo un operaio che stava lavorando nella stanza. L’uomo, che ha compiuto 27 anni proprio ieri, è rimasto sepolto sotto a una coltre di calcinacci. È stato immediatamente soccorso dai suoi colleghi che hanno allertato il 118. Gli operatori giunti sul posto hanno riscontrato i gravi traumi riportati dal giovane e hanno disposto l’immediato trasferimento presso l’ospedale “Perrino” di Brindisi. Qui è stato sottoposto a una serie di accertamenti diagnostici e strumentali al termine dei quali gli sono stati riscontrati dei politraumi ed è stato ricoverato nel reparto di Neurochirurgia. La sua situazione clinica è stabile, in ogni modo è seguito costantemente dai medici che ne scandiscono l’evoluzione.

Intanto sul cantiere, una villetta in ristrutturazione ubicata nell’estrema periferia della città lungo la provinciale per San Vito dei Normanni, sono arrivate le volanti della polizia e due squadre dei vigili del fuoco che hanno messo in sicurezza il cantiere. Poco dopo sul posto sono giunti gli ispettori dello Spesal di Brindisi e la polizia locale. Le indagini sono condotte dagli ispettori e dai vigili urbani ognuno per le proprie competenze. Dopo i primi accertamenti il cantiere è stato posto sotto sequestro. I fatti si sono verificati ieri mattina in un cantiere edile ubicato in via San Vito. Si tratta della ristrutturazione di una villetta affidata a una ditta edile calabrese.

Gli operai stavano lavorando alla struttura quando, per cause ancora in fase di indagine, una parte del solaio è venuta giù investendo il giovane M. D. C., residente a Locri nella provincia di Reggio Calabria, che proprio ieri ha compiuto 27 anni. È stato immediatamente soccorso dai colleghi che lo hanno estratto da sotto le macerie. Il giovane, pur dolorante per le varie ferite riportate, era vigile ed ha risposto alle domande che gli venivano poste per farlo restare sveglio. È stato lanciato l’allarme e sul posto è giunta un’ambulanza del 118 e due squadre dei vigili del fuoco di Brindisi. Contestualmente sono arrivate le pattuglie di polizia e vigili urbani. Successivamente nel cantiere sono giunti i tecnici comunali che hanno effettuato alcuni rilievi. Il ferito è stato immediatamente stabilizzato sul posto. In ogni modo i sanitari hanno riscontrato subito le sue gravi condizioni e lo hanno trasferito in codice rosso presso l’ospedale “Perrino” di Brindisi. Qui è stato sottoposto a vari accertamenti al termine dei quali gli è stato riscontrato un politrauma medio ancora in fase di indagine e, quindi, in piena evoluzione. Il giovane operaio è stato ricoverato presso il reparto di Neurochirurgia e le sue condizioni, nel momento in cui scriviamo, sono stabili.

Nelle prossime ore i medici seguiranno l’evolversi del suo quadro clinico, a causa delle diverse fratture riportate, e decideranno ulteriori interventi medici. Intanto, sul cantiere sono arrivati gli ispettori dello Spesal, il servizio dell’Asl per la prevenzione e sicurezza sugli ambienti di lavoro, che ha iniziato a verificare tutta la documentazione amministrativa del cantiere e, soprattutto, il dossier sulla sicurezza e se i dettami prescritti sono stati adottati sul posto di lavoro. Per questo motivo sono stati, e lo saranno anche nelle prossime ore, ascoltati i progettisti e il responsabile della sicurezza. Questo incidente sul lavoro ha riportato all’attenzione della cronaca un altro incidente avvenuto a Mesagne il 29 settembre 2021 quando un operaio, Benito Branca di 41 anni, rimase schiacciato dal crollo di una pensilina. La sua vita si interruppe alle ore 12,30.


polizia_locale_vigili_del_fuoco_polizia_via_san_vito_giugno22_1.jpgpolizia_locale_vigili_del_fuoco_polizia_via_san_vito_giugno22_2.jpg

---------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina 
Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube
Per scriverci e interagire con la redazione 
contattaci  

Ultima modifica il Venerdì, 01 Luglio 2022 15:42