Menu

Lenoci: noi medici di famiglia esposti a tutti i rischi In evidenza

lenoci vitoLa gestione sanitaria dell’emergenza da coronavirus nella provincia di Brindisi

è a dir poco fallimentare. È di poche ore fa la notizia della chiusura dell’intero reparto di pneumologia e del ricovero del primario di chirurgia dell’ospedale Perrino per positività al virus. I medici del territorio sono ancora sprovvisti di dpi, tamponi se ne fanno pochi e in ritardo, vanno in pellegrinaggio in tutta la Puglia e spesso si smarriscono. Non esiste una programmazione per isolare, curare e monitorare i pazienti a domicilio. Non esiste un dialogo e quindi nessuno scambio d’informazioni tra struttura ospedaliera e medici di famiglia. Ho sentito alcuni politici che si lamentavano e denunciavano questa situazione intimando di fare presto e meglio. Io rimango basito, non è certo il momento di fare polemiche nè di cercare i colpevoli, lo faremo a tempo debito, ma non e che adesso colpevolizziamo i medici e gli operatori sanitari attribuendo loro la responsabilità di queste mancanze, quando sappiamo benissimo chi sono gli artefici della precarietà della sanità pugliese e soprattutto brindisina. 

Video

Torna in alto