Menu

Mesagne. Furto di rame

commissariato mesagne-Uno strano furto si è verificato

a Mesagne in un magazzino dove erano custoditi oggetti antichi, appartenuti alla civiltà contadina, di solito appetibili nei mercatini di antiquariato. I ladri, però, hanno portato via solo dei vecchi elettrodi al cui interno vi era del rame. Probabilmente i delinquenti lo estrarranno e lo rivenderanno sul mercato nero. Incuranti di aver distrutto un oggetto appartenuto a un vecchio saldatore. Sull’episodio indaga la polizia di Mesagne. L’episodio si è verificato la notte a cavallo tra sabato e domenica quando alcuni individui sono giunti in contrada Piantata, in agro di Mesagne, dove c’è una struttura di proprietà di un 77enne al cui interno sono depositati oggetti appartenuti nei lustri andati alla civiltà contadina. L’uomo, da anni, è un collezionista di oggetti agricoli. La scoperta del furto è stata fata dallo stesso collezionista che, arrivato sul posto, ha notato la porta d’ingresso del deposito forzata. È entrato all’interno e, con sua grande meraviglia, si è accorto che tutto, apparentemente, era in ordine. Purtroppo, da un controllo più attento ha constatato che i malviventi avevano portato via gli elettrodi di un antico saldatore. Probabilmente l’intento è di estrarre il rame da rivendere al mercato nero. Il resto dei manufatti, probabilmente ingombranti e facilmente individuabili, sono stati lasciati al loro posto. Sconfortato dal furto il nonnino non ha potuto fare altro che telefonare al locale commissariato e chiedere un loro intervento. Gli agenti hanno ascoltato l’uomo e avviato le indagini. I poliziotti cercheranno di individuare la fonte di ricettazione anche se appare alquanto difficile individuare il rame trafugato.  

Torna in alto