Menu

Presentazione del libro 'Il puzzle Moro' di Giovanni Fasanella

2018-12-06 180317Venerdi 14 dicembre alle ore 17,30 presso il Salone dell’Associazione Di Vittorio a Mesagne sarà presentato il libro IL PUZZLE MORO di Giovanni Fasanella. L’autore ne parlerà con il giornalista Fabio Mollica. La serata sarà moderata da Giovanni Galeone -  Vice Presidente dell’Associazione Di Vittorio.

«Situazione italiana completamente fuori controllo. (...) Dobbiamo fare qualcosa di concreto e non limitarci a discutere. (...) Sostegno a un colpo di Stato o a una diversa azione sovversiva» (documento desecretato di una riunione della commissione dei 15 del Governo Britannico). Altri documenti scottanti nel libro.

Libro stupendo e ben scritto, una fonte di documenti e fatti che fanno chiarezza su ciò che è stato il rapimento e l'uccisione di Aldo Moro. Fasanella fa emergere molti particolari davvero inquietanti sul sequestro, la prigionia e l’assassinio di Aldo Moro, alla luce di documenti de-secretati a livello internazionale e della documentazione accertata ed ufficiale della commissione parlamentare italiana che si è conclusa nel dicembre del 2017.

Inoltre il libro ha il pregio di collegarli da un lato con la “guerra civile strisciante” (fatta di trame oscure e tentativi di golpe) che è proseguita in Italia da dopo il 1945 fino al possibile ingresso nel governo del paese del più forte partito comunista occidentale e dall'altro lato con una politica delle potenze vincitrici della seconda guerra mondiale che non volevano un' Italia pienamente sovrana e capace di essere autonoma a livello internazionale.

Chi è Giovanni Fasanella. Giornalista di razza, ha lavorato al quotidiano l'Unità dal 1975 al 1987, inizialmente nella redazione torinese, dove negli anni di piombosi è occupato di terrorismo, poi in quella romana, come resocontista parlamentare e notista politico. Nel gennaio 1988 è passato a Panorama, di cui è stato quirinalista e redattore parlamentare all'epoca della presidenza di Francesco Cossiga. Nel novembre 2013 ha lasciato il settimanale della Mondadori per dedicarsi esclusivamente ai libri, al cinema e alla tv. Esperto di giornalismo investigativo, è infatti autore di molti testi sulla storia "invisibile" italiana del dopoguerra (alcuni dei quali tradotti all'estero), ed è anche sceneggiatore e documentarista.

Ultima modifica ilGiovedì, 06 Dicembre 2018 18:04
Torna in alto