Menu

Mesagne. Paura in un condominio per l'incendio di una bombola di gas

vigili del fuoco 115Paura per l'incendio di una bombola ieri pomeriggio a Mesagne.

È accaduto in un appartamento abitato da una famiglia cinese quando, per cause ancora in fase di accertamento, la bombola ha sfiammato. E’ stato lanciato l’allarme e sul posto è giunta una squadra dei vigili del fuoco di Brindisi, una volante della polizia e un’unità del 118. I vigili del fuoco hanno messo in sicurezza l’abitazione mentre i sanitari hanno visitato una donna che era rimasta scioccata dall’evento. I fatti si sono verificati ieri pomeriggio poco dopo le ore 16,00 in un condominio in cui vivono una ventina di famiglie in via Enrico Toti una traversa di via Brindisi. In un appartamento abitato da una famiglia di nazionalità cinese, per cause ancora in fase di accertamento, la bombola della cucina ha causato una fiammata che ha coinvolto alcuni manufatti presenti. La signora che si trovava in cucina ha iniziato a gridare e ha fatto uscire i suoi congiunti fuori dall’appartamento. Gli altri condomini sentite le urla sono usciti fuori e davanti al pericolo hanno preferito scendere in strada. Nel frattempo qualcuno ha lanciato l’allarme e sul posto sono giunti i poliziotti del locale commissariato, i vigili del fuoco e un’unità del 118. I vigili sono entrati in casa, hanno spento le fiamme e messo in sicurezza l’abitazione. Solo allora i condomini e la famiglia interessata si sono rasserenati e sono rientrati nelle rispettive abitazioni. Gli operatori del 118 hanno visitato la donna riscontrando uno stato di shock dovuto alla paura causata dalla sfiammata della bombola. In ogni modo la donna ha rifiutato il controllo ospedaliero. I vigili del fuoco erano stati nuovamente a Mesagne venerdì scorso poiché un’anziana donna, residente in piazzetta dei Ferdinando, nel cuore del centro storico, era caduta in casa e non riusciva più a rialzarsi. Le sue grida di aiuto erano state udite dai vicini che avevano allertato i vigili del fuoco e il personale del 118.  

Torna in alto