Menu

Mesagne. Atto intimidatorio, si indaga nel privato

commissariato 1Un atto intimidatorio si è verificato

la notte scorsa a Mesagne dove alcuni individui hanno letteralmente dipinto con vernice un’autovettura regolarmente posteggiata in strada. Non pachi del loro “divertimento” hanno imbrattato anche il portoncino di ingresso all’abitazione. La scoperta del malfatto è stata fatta al mattino quando i proprietari sono usciti e si sono trovati davanti alla scena vandalica. I danni ammontano a qualche migliaia di euro. Ieri mattina i proprietari stavano ripulendo alla meglio i loro beni prima di presentare una denuncia dei fatti alla polizia. Non è la prima volta che a Mesagne si verificano atti di vandalismo simili a quelli della notte scorsa. Alcuni anni addietro a un giovane tifoso della Roma nella nottata gli fu dipinta l’auto a strisce rosso e giallo. Il giovane presentò una denuncia dei fatti accaduti alla polizia. Così, la notte scorsa un’operazione simile è stata portata a termine in via dei Noia, una traversa di via Melissa Bassi, già via Torre. Ignoti sono arrivati davanti a un’auto Seat e l’hanno dipinta di colore verde e arancione. Hanno avuto tutto il tempo di cospargerla per bene di vernice stando ben attenti a danneggiarla completamente. Non contenti hanno preso di mira il portoncino dell’abitazione del proprietario dell’auto e l’hanno dipinto color viola. Hanno lasciato per terra un barattolo di vernice. Poi sono fuggiti. La strada in questione ha alcune telecamere di videosorveglianza privata e si spera che dalla loro visione possa emergere qualche dato per individuare i vandali. Chiaro il movente: una ritorsione maturata, probabilmente, nella sfera privata della famiglia. Gli investigatori in tal senso hanno già ascoltato le vittime per cercare di scavare nella loro vita al fine di far emergere episodi particolari che possano indirizzare verso una pista certa. In passato il proprietario era stato autista di ambulanza. La famiglia era giunta nell’abitazione di via dei Noia solo da qualche anno. Perciò i poliziotti stanno valutando tutti gli scenari possibili non tralasciando nulla. Quindi un atto intimidatorio e non un gesto vandalico, non una goliardata fatta da qualche “maniaco della vernice”. Nonostante ciò i residenti hanno il timore che il fatto possa ripetersi nuovamente. In particolar modo sono preoccupati coloro che lasciano in strada il proprio mezzo non avendo garage. I poliziotti, da parte loro, stanno lavorando alacremente per dare una risposta ai fatti. Una risposta che potrebbe sorprendere.  

Torna in alto