Menu

Apre a Mesagne lo sportello lavoro In evidenza

comune parcheggio della polizia localeAncora pochi giorni e poi a Mesagne, in piazza dei Commestibili, aprirà al pubblico lo “Sportello lavoro”,

luogo dove chi cerca una occupazione o nuove opportunità possa essere accolto, ascoltato, motivato e «connesso» con quanto si muove sul territorio, in Italia e in Europa. Questo sarà possibile grazie ad uno dei primi esempi in questo settore di servizio pubblico affidato in gestione a professionisti privati. Lo Sportello avrà il volto di Barbara, operatrice della Synergie Italia, società leader in Europa aggiudicataria dell’avviso pubblico indetto dall'Amministrazione Comunale. Ad aiutarla nella sua missione ci sarà personale comunale di lunga esperienza nelle Politiche Giovanili come Titti. “Il progetto sottoscritto da Comune e società è ambizioso e d’avanguardia ed affianco allo “Sportello” prevede orientamento agli studenti delle scuole mesagnesi per la scelta universitaria o lavorativa; analisi del mercato del lavoro locale; occasioni di formazione; raccolta di dati e numeri che permetteranno all'Amministrazione comunale di avere una panoramica aggiornata e puntuale sulla (dis)occupazione nel territorio”, ha spiegato l’ex assessore ai Servizi sociali, Alessandro Rubino. Insomma, sarà un «laboratorio di sussidiarietà» che ha già destato curiosità in molti altri Comuni. “Nell’atto di affidarmi le deleghe assessorili – ha continuato Rubino - il sindaco Pompeo Molfetta, che ringrazio con stima ed affetto per la «carta bianca» e la piena fiducia concessami in questo progetto, mi indicò i giovani come realtà alla quale dedicare massima attenzione. In dieci mesi siamo riusciti a raggiungere un importante obiettivo; l’intera Amministrazione comunale che ha sostenuto questo progetto nonostante le critiche dell’opposizione politica; le assistenti sociali e la dirigente dell’Area Sociale e Culturale Concetta Franco per aver tradotto le idee in atti; l’on. Matarrelli Antonio, per aver riconosciuto e dato valore alle mie esperienze professionali prima di ogni altro”.  

Ultima modifica ilMercoledì, 23 Maggio 2018 15:19
Torna in alto