Menu

Mesagne. Arrestato l'ottico Alberto Cuppone In evidenza

cuppone albertoDopo nove mesi dal primo arresto i carabinieri di Mesagne

hanno tratto in arresto Alberto Cuppone, noto ottico di 61 anni, a seguito di un’ordinanza di custodia cautelare emesso dalla Procura della Repubblica di Brindisi, dovendo espiare 3 anni, 5 mesi e 17 giorni di reclusione per violazione della legge fallimentare, in merito a fatti accaduti in Mesagne nel 2006. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale di Brindisi. Cuppone lo scorso mese di dicembre si era costituito in carcere poi a seguito di un ricorso presentato dai difensori per la sospensione della pena per “Disparità di trattamento tra imputati nella legge svuota-carceri”, il tribunale lo rimise in libertà. In data 20 dicembre 2016, infatti, era stato notificato all’ ex imprenditore l’ordine di esecuzione della carcerazione a seguito della pronuncia della Corte di Cassazione che, in data 30 novembre 2016, aveva confermato la sentenza della Corte di Appello di Lecce. L’Ottico, si era costituito personalmente in carcere dove rimase per dodici giorni prima di essere rimesso in libertà. Cuppone, con attività in piazza Matteotti nel centro storico, è un imprenditore noto e stimato in città perciò la notizia del suo arresto per violazione della legge fallimentare ha lasciato un po’ tutti dispiaciuti. Tanti i clienti, anche di fuori Mesagne, che per decenni si sono serviti presso il suo negozio per acquistare gli occhiali. Poi la disavventura finanziaria che ha portato all’arresto. Negli ultimi tempi l’imprenditore si era avvicinato al calcio entrando a far parte del roster di dirigente per supportare la squadra locale.  

Torna in alto