Menu

Operazioni dei Carabinieri in provincia di Brindisi

carabinieri logoLatiano: deteneva due fucili appartenuti al defunto marito, arrestata 75enne.
I Carabinieri della Stazione di Latiano hanno proceduto all'arresto obbligatorio in flagranza, per illecita detenzione di armi comuni da sparo, di una donna, classe 1942 pensionata del posto.

I militari, in seguito a uno specifico controllo domiciliare, hanno appurato che la stessa aveva omesso di denunciare la detenzione di due fucili (uno marca Benelli calibro 12 e l'altro Armitalia sovrapposto calibro 20), appartenuti – e regolarmente denunciati – al marito deceduto a Brindisi nel 1995.
Le armi sono state sottoposte a sequestro.
Su disposizione dell'Autorità Giudiziaria, dopo le formalità di rito, l’arrestata è stata rimessa in libertà.
L'intervento dell'Arma è mirato anche a scongiurare i potenziali rischi in cui possono incorrere le persone prive di competenze nell'uso e maneggio delle armi.

San Vito dei Normanni: Carabinieri arrestano tre persone sorprese a rubare pannelli fotovoltaici.
I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Vito dei Normanni hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, per furto in concorso, VENERITO Pietro, classe 1991, LENOCI Fernando, classe 1992 e GIORGETTO Cosimo, classe 1992, tutti di San Michele Salentino.
I giovani, nel corso della notte, si sono introdotti in un campo fotovoltaico, in contrada Padalini, con l'intento di asportare i pannelli fotovoltaici ivi attestati e nel tentativo di interrompere la linea dell’alta tensione, hanno sradicato due interruttori di manovra di sottocarico, di proprietà dell'Enel, facendo scattare in tal modo l’impianto d’allarme.
I militari, prontamente intervenuti, hanno notato un’autovettura Alfa Romeo 147 allontanarsi dall’area, a velocità sostenuta e, dopo averla bloccata, hanno proceduto al controllo: durante la perquisizione personale e veicolare hanno rinvenuto, occultati nell'abitacolo, vari strumenti idonei per effrazione, due pistole da soft air prive di tappo rosso, un passamontagna militare, tute da benzinaio, una mazza ferrata, delle corde per il traino ad alta resistenza ed una chiave carica a molle manuale, asportata dal campo fotovoltaico.
Il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro.
Su disposizione dell'Autorità Giudiziaria, dopo le formalità di rito, gli arrestati sono stati condotti presso le rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari.

Carovigno: provvedimento restrittivo.
I Carabinieri della Stazione di Carovigno hanno eseguito un ordine di carcerazione per pene concorrenti, emesso dalla Procura della Repubblica di Brindisi, nei confronti di un uomo, classe 1960 del posto.
Costui deve espiare la pena residua di 3 anni e 7 mesi di reclusione, per ricettazione e maltrattamenti in famiglia, reati commessi in Carovigno negli anni 2004 e 2005.
Il 57enne, dopo le formalità di rito, è stato associato presso la casa circondariale di Brindisi.

Francavilla Fontana: evade dai domiciliari, arrestata.
I Carabinieri della Stazione di Francavilla Fontana, nel corso di servizi finalizzati al controllo delle persone sottoposte alle misure di sicurezza e prevenzione, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, per evasione, ALTAVILLA Vita Maria, classe 1966 del posto.
La donna, in atto sottoposta alla detenzione domiciliare per il reato di truffa, commesso in Francavilla Fontana nel 2010, è stata sorpresa sulla pubblica via, senza giustificato motivo.
Su disposizione dell'Autorità Giudiziaria, dopo le formalità di rito, ALTAVILLA è stata posta nuovamente agli arresti domiciliari presso la sua abitazione.

San Vito dei Normanni: maltratta e minaccia la moglie, arrestato.
I Carabinieri della Stazione di San Vito dei Normanni hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, per maltrattamenti in famiglia e minaccia, un uomo, classe 1975 del posto.
Costui negli ultimi mesi ha aggredito verbalmente minacciando, in molteplici circostanze, la moglie convivente, in maniera tale da generare nella stessa un perdurante stato di ansia e di fondato timore per la propria incolumità.
Su disposizione dell'Autorità Giudiziaria, dopo le formalità di rito, il 42enne è stato posto agli arresti domiciliari presso l'abitazione dei suoi genitori.

Francavilla Fontana: sorpresa con hashish e coltelli, denunciata.
I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Francavilla Fontana, nel corso di servizi finalizzati al contrasto del fenomeno dell'uso e spaccio della droga, hanno deferito in stato di libertà M.M., classe 1998 del posto, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e porto non giustificato di strumenti atti a offendere.
Nel corso della notte, la giovane è stata notata aggirarsi a piedi con fare sospetto in piazza Umberto I; sottoposta a controllo sul posto, poi proseguito presso gli uffici del Comando, la giovane ha spontaneamente consegnato cinque dosi di hashish, per complessivi 5 gr. circa, occultati negli indumenti intimi. La contestuale perquisizione personale, ad opera del personale femminile della locale Polizia Municipale fatta intervenire, ha consentito il rinvenimento della somma contante di 260 euro, suddivisa in banconote di vario taglio, ritenuto provento di attività di spaccio, nonché due coltelli da punta e taglio, per i quali non era giustificato il porto.
Il denaro, la sostanza stupefacente e gli strumenti atti a offendere sono stati sottoposti a sequestro.

Oria: Carabinieri denunciano 38enne per ricettazione.
I Carabinieri della Stazione di Oria, con il personale della Stazione di San Pancrazio Salentino, a conclusione di un'attività indagine finalizzata al contrasto di furti di autovetture, hanno deferito in stato libertà, per ricettazione, F.G., classe 1979 del posto.
L'uomo, in seguito a una perquisizione domiciliare, in contrada Chianca, è stato trovato in possesso di 2 centraline marca “Bosch”, 4 centraline marca “Magneti Marelli”, 3 centraline prive di marca, 3 spadini e vari arnesi, il tutto custodito in due borsoni occultati in un frigo in disuso, nella sua materiale disponibilità e collocato nelle pertinenze dell'abitazione.
Il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro, anche per ulteriori approfondimenti allo scopo di accertarne la provenienza.

Ultima modifica ilMartedì, 10 Ottobre 2017 12:16
Torna in alto