Mesagne. Stop a Muro Tenente, mancano l'energia elettrica e i soldi

Giugno 13, 2017 1702

muro tenente ricostruzione storica del villaggioStop dei lavori a Muro Tenente per la realizzazione del parco archeologico.

librato palma assessLa ditta che sta eseguendo i lavori per conto del Comune di Mesagne e della Regione Puglia potrebbe, tra poche ore, bloccare l'esecuzione dei lavori poiché la Regione non gli ha ancora pagato il corrispettivo pattuito ad avanzamento lavori e il Comune di Mesagne si è attardato ad allacciare l'energia elettrica necessaria per le toilette, gli uffici e quant'altro. Il tutto propedeutico al collaudo dell'opera che non potrà avvenire e ritarderà sia i tempi di consegna sia i tempi di fruibilità del bene archeologico. Impasse amministrativo, dunque, a pochi giorni dall'arrivo degli archeologi olandesi che dovranno avviare la campagna di scavi 2017. Quando tutto sembrava andare per il verso giusto ecco che iniziano a nascere i primi problemi nel sito storico. Principalmente sono due le lacune. La prima è legata all'erogazione degli euro necessari a saldare le fatture relative all' avanzamento dei lavori alla ditta che sta svolgendo la costruzione del parco archeologico. Soldi necessari sia per pagare le maestranze sia le forniture di materiali. Se la ditta non dovesse ricevere il corrispettivo potrebbe sospendere i lavori con aggravio sulla consegna del parco con relativa funzionalità dell'area. La seconda lacuna è relativa all'allaccio dell'energia elettrica. Compito che dovrebbe svolgere il Comune di Mesagne appena rendiconta i lavori. Se non c'è energia non possono essere collaudate e consegnate le opere realizzate. Opere che dovevano essere già pronte poiché a fine mese arrivano a Mesagne gli archeologi della Libera Università di Amsterdam, guidati dal professor Gert Jean Burgers, e dovranno iniziare una nuova campagna di scavi e predisporre il parco alla fruibilità dei visitatori. Invece si rischia di collassare il tutto. Abbiamo chiesto il motivo del ritardo al consigliere delegato alla Manutenzione pubblica, Roberto D'Ancona, che ha effettivamente accertato presso gli uffici competenti il ritardo nel disbrigo dell’iter amministrativo. “Per ciò che riguarda il pagamento delle fatture emesse dalla ditta stiamo aspettando per fine mese la rimessa dei contributi da parte della Regione Puglia. Con tali soldi potremo pagare la ditta che sta eseguendo i lavori che so bene che è in difficoltà economiche”, ha spiegato Palma Librato (nella foto), assessore ai Lavori pubblici che ha detto che per ciò che riguarda l’allaccio elettrico è di “competenza della direzione lavori”.  

Ultima modifica il Martedì, 13 Giugno 2017 11:03