Menu

Mesagne. Rifiuti per strada non raccolti ed erbacce nei tombini In evidenza

rifiuti via vitt venetoNon cessa a Mesagne la protesta dei cittadini e operatori commerciali

per la controversa gestione del ritiro dei rifiuti. Diverse zone della città sono sporche e nonostante le segnalazioni dei cittadini nessuno ritira e pulisce. Alcune volte la colpa della sporcizia è da addebitare ai cittadini sozzoni altre volte all'azienda che ha in gestione i rifiuti. E' il caso di alcuni rifiuti, nello specifico cartoni, presenti da settimane in via Vittorio Veneto, a due passi dalla villa comunale. Qui ci sono accatastati una serie di cartoni depositati per il ritiro di un'attività commerciale. Nessuno fino a ieri li ha ritirati. Eppure cittadini e commercianti hanno sui propri telefonini ancora registrate le chiamate che hanno fatto alla piattaforma ecologica per segnalare la presenza dei rifiuti e richiedere il ritiro. C'è da sottolineare che i rifiuti prodotti dalle attività commerciali sono ritirati due volte alla settimana direttamente nel domicilio aziendale. Per questo servizio i commercianti pagano il corrispettivo. Nonostante ciò i cartoni sono ancora lì in bella mostra. "Davvero non sappiamo più cosa fare per segnalare questo disservizio che va avanti da settimane", hanno spiegato alcuni residenti della centralissima arteria viaria. "Abbiamo più volte segnalato il disagio all'addetto a questo servizio presente presso la piattaforma ecologica senza ottenere nessun risultato", hanno aggiunto i cittadini. Tuttavia, la protesta di via Vittorio Veneto non è isolata poiché un po' da tutta la città giungono richieste di pulizia: da via San Pancrazio alle residenze extraurbane. Per non parlare del taglio dell'erba in alcuni quartieri della città e lungo le strade della zona industriale. E che dire delle griglie di scorrimento delle acque pluviali. In qualche pozzetto stanno crescendo anche gli alberelli di fico, come ad esempio nei pressi di via Verdi. In altri la terra fa da humus per erbacce di ogni genere. Sperando che non arrivi un nubifragio come nel recente passato. Della vicenda si è interessato il consigliere comunale alla manutenzione pubblica, Roberto D'Ancona: "Verificherò immediatamente i motivi lamentati dai cittadini - ha detto - in ogni modo posso anticipare che stiamo predisponendo un servizio di App attraverso il quale il cittadino con un semplice smartphone può segnalare contemporaneamente al Comune e all'azienda un eventuale disservizio con la sicurezza che il tutto è tracciabile". 

Torna in alto