Menu

Mesagne. Auto annaspa nel laghetto, l'assessore Librato delega

toyota yaris acquaContinua a mietere "vittime" a Mesagne

la via vecchia per Francavilla. Fortunatamente si tratta di auto, e non di persone, che restano impantanate nel fiume di acqua presente nel tratto di strada scoscesa che attraversa la contrada Palmitella. E' accaduto nuovamente ieri quando una Toyota Yaris è andata a finire in un buca nascosta dall'acqua ed ha rotto un semiasse. Così, un'altra vertenza automobilistica si è aperta con il Comune che da diverse legislature non riesce a ristrutturare questa importante arteria viaria a causa di alcuni contenziosi legali che ha in atto con i proprietari dei terreni prospicienti. Eppure, al momento, basterebbe chiudere le buche con dello stabilizzato per evitare incidenti come quello accaduto alla signora che era alla guida della Toyota. Ieri mattina, dunque, intorno alle 10,30 un'auto di piccola cilindrata, una Toyota Yaris con alla guida una signora, è finita in una delle buche che costellano il tratto di strada di contrada Palmitella-Corciolo. Inutile sottolineare che il cratere non era visibile a causa della presenza dell’acqua. La strada ha in questo punto un avvallamento che si riempie di acqua piovana ogni volta che dal cielo cadono poche gocce. Dopo lo schianto nella buca l'auto non è più ripartita. La signora non ha potuto fare altro che scendere, bagnarsi completamente piedi e gambe e telefonare al fidanzato che poco dopo è arrivato sul posto. Lì si è reso conto che per tirare fuori l'auto dal laghetto c'era bisogno di chiamare un carro attrezzi. Costo dell'operazione 60 euro. La proprietaria ancora non hanno fatto quantificare i danni, ma certamente saranno dolori poiché il danno all'auto è alquanto grave. Il problema dell'allagamento di un tratto di strada della via vecchia per Francavilla si trascina da diverse legislature con contenziosi legali, tra Comune e quei proprietari di terreni che hanno costruito le recinzioni senza lasciare le vie di attraversamento delle acque piovane che, non seguendo il naturale percorso, restano in strada allagandola. Eppure, in attesa che i contenziosi trovino una soluzione, basterebbe riempire le voragini con del semplice stabilizzato. Quanto meno si eviterebbero sinistri stradali onerosi per l'ente pubblico. Nella giornata di ieri abbiamo cercato l'assessore Palma Librato per comprendere se il Comune ha in atto qualche progetto per ristrutturare la strada. L'Amministratrice, però, ha delegato la risposta al consigliere delegato Roberto D'Ancona. "Al momento il Comune non ha messo in atto nessuna progettualità per tale tratto di strada - ha spiegato D'Ancona - qualcosa potrebbe essere investito dal residuo riveniente dal piano strade".  

Ultima modifica ilGiovedì, 06 Aprile 2017 08:54
Torna in alto