Stampa questa pagina

A Mesagne la mostra del maestro d’arte, Adriano Venturelli, dal titolo “Colors”

Maggio 25, 2022 336
Vota questo articolo
(0 Voti)

Sarà presentata questa sera, alle ore 18, nella piazzetta del Ristorante DaDario a Mesagne, la mostra del maestro d’arte, Adriano Venturelli, dal titolo “Colors”, che si terrà nel Castello di Mesagne, dal prossimo 16 giugno al 23 luglio.

“Colors, il colore come luce di speranza e di fraternità” è una serie pittorica che nasce come reazione dopo l'attentato al Bataclan a Parigi commesso da spietati jihadisti il 13 novembre 2015, che causò la morte di 130 persone innocenti e altrettanti 350 feriti.

Nel corso della presentazione, alla presenza del Sindaco di Mesagne, Toni Matarrelli, saranno illustrati gli incontri collaterali (presentazione di libri e incontri con critici d’arte) che accompagneranno la mostra nell’arco dei due mesi

Nato a Formigine nel 1953, Adriano Venturelli studia all’Istituto d’Arte Adolfo Venturi di Modena dove consegue il titolo di Maestro d’arte e la maturità in arte applicata. La frequentazione dell’ambiente culturale artistico bolognese nella prima metà degli anni ’80 conduce Venturelli a due incontri decisivi: il primo è con Giorgio Celli. Etologo, scrittore e docente universitario, Giorgio Celli inserisce Adriano Venturelli nel gruppo di artisti da lui fondato e nominato “Transmanierismo”, promuovendone la partecipazione collettiva. Il secondo incontro decisivo è con Claudio Cerritelli. Critico e storico dell’arte contemporanea, docente presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, introduce l’opera di Adriano Venturelli all’interno di importanti esposizioni collettive da lui curate tra il 1986 e il 1988, tra le quali: Libertà d’immagine (Montefiorino, 1986); La costruzione del senso (Fiorano Modenese, 1987); Dialogo sulla superficie (Formigine – 1987); Esperimento ininterrotto della pittura (Milano, 1988).

“Vorrei – ha detto il maestro Adriano Venturelli - con le mie Opere della serie COLORS lanciare un segno di fiducia, di calore-colore, di fratellanza rinnovata, moltiplicando insieme le tante capacità che da secoli contraddistinguono i cittadini del paese più bello al mondo, l’Italia”.

Redazione

Ultimi da Redazione