Stampa questa pagina

Scuole, il 13 giugno al via il restauro della «Collodi»

Maggio 17, 2022 245
Vota questo articolo
(0 Voti)

Scuole, il 13 giugno al via il restauro della «Collodi» di Fasano: presentato alle famiglie il cronoprogramma dei lavori di riqualificazione. Incontro tra amministrazione, impresa, dirigente e famiglie per condividere le tempistiche e illustrare il progetto. Il sindaco Zaccaria: «Un intervento poderoso per una scuola nuova, sicura e completamente ristrutturata».

Il via dei lavori è fissato il 13 giugno: si sfrutterà il periodo estivo per creare meno disagi possibili agli studenti. Che a settembre rientreranno tutti nell’istituto per poi essere sistemati, a rotazione, in altre aule a seconda dei blocchi della scuola interessati dagli interventi.

È stato illustrato ieri pomeriggio ai rappresentanti dei genitori di tutte le 26 classi del 1° circolo didattico «Collodi» il cronoprogramma dei lavori di riqualificazione della scuola che a settembre 2024 restituiranno ai circa 650 alunni di scuola Primaria un plesso più moderno, funzionale e, soprattutto, più sicuro.

Messa in sicurezza, adeguamento a norma, manutenzione straordinaria: il restauro della «Collodi» è un intervento lungo e complesso, ma l’amministrazione, in accordo con la ditta che si è aggiudicata l’appalto e la dirigenza della scuola si sta adoperando per ridurre il più possibile i disagi a bambini e famiglie.

Il cronoprogramma è stato elaborato su un arco temporale di circa due anni cercando di sfruttare al massimo le pause scolastiche nei mesi estivi e nel periodo natalizio.

Gli interventi saranno effettuati a blocchi, in modo verticale, e quindi si procederà a liberare di volta in volta gli ambienti in cui saranno effettuati i lavori.

Da gennaio a giugno 2023 quattro classi saranno spostate nei laboratori e altre 4 saranno sistemate in altre strutture. Al momento ci sono due possibilità: o il plesso «Latorre» che è già sede distaccata della «Collodi» o l’oratorio del Fanciullo. La didattica non subirà variazioni, come ha assicurato ai genitori la dirigente scolastica Vita Ventrella: le attività laboratoriali di informatica e scienze potranno continuare (anche se i laboratori saranno occupati dalle classi) grazie all’utilizzo di tablet e di kit mobili per poter svolgere le lezioni ovunque.

È stato elaborato un piano di sicurezza per isolare il cantiere ed eliminare il rischio di interferenza con gli studenti che invece resteranno in altre classi.

Per i lavori il Comune di Fasano ha ottenuto un finanziamento regionale di oltre 3 milioni di euro, il più consistente ottenuto dall’amministrazione per le scuole. La ditta che eseguirà gli interventi è Rossi restauri e il direttore dei lavori è l’arch. Giacomo De Candia.

«Chiediamo innanzitutto scusa alle famiglie per i disagi che arrecheremo – dice il sindaco Francesco Zaccaria – ma questo è un intervento importantissimo che ci consentirà di avere una scuola più bella e più sicura dove i nostri ragazzi potranno studiare e crescere in ambienti confortevoli e moderni. Assicuriamo che vigileremo affinché ogni disagio sia ridotto al minimo. Ringrazio tutta la struttura dell’ufficio Lavori Pubblici a partire dalla dirigente, Rosa Belfiore, l’impresa e gli assessori Gianluca Cisternino e Donatella Martucci che stanno seguendo da vicino la vicenda».

Oltre agli interventi di consolidamento nel blocco principale dell’edificio scolastico per migliorare le condizioni generali di sicurezza, saranno restaurati i portoni prospicenti il cortile interno e i portoni di accesso prospicenti il fronte principale. Previsti anche lavori di miglioramento sismico e adeguamento funzionale.

Gli spazi interni saranno completamente rivoluzionati. Il vano di ingresso ospiterà una biblioteca scolastica, tutte le aule saranno controsoffittate e saranno abbattute le barriere architettoniche.

La palestra sarà rifatta sia esternamente che internamente. Sarà installato un pavimento idoneo e certificato dalle federazioni internazionali e saranno rifatti gli impianti di climatizzazione e illuminotecnici. I lastrici solari saranno impermeabilizzati e saranno creati spogliatoi per atleti e istruttori dotati di tutti i servizi.

Negli spazi esterni sarà realizzato un nuovo campo da calcetto, le pavimentazioni del cortile interno saranno sostituite e sarà creata una pendenza idonea per evitare allagamenti e consentire il deflusso delle acque piovane verso l’esterno.

Sarà inoltre rimossi parti in amianto presenti e sarà effettuata la bonifica prevista in questi casi.

«I lavori di consolidamento dell’edificio ci restituiranno una scuola più sicura, a norma con tutti i requisiti e gli standard richiesti in termini di agibilità e sicurezza – spiega l’assessore ai Lavori Pubblici Gianluca Cisternino –. È un intervento strutturale di enorme valore che non è mai stato fatto da quando la scuola Collodi è stata costruita: dovremo fare piccoli sacrifici ma per un obiettivo grande. Ci siamo adoperati per spostare l’inizio dei lavori a giugno proprio per consentire di poter chiudere l’anno in tranquillità e di riaprirlo a settembre nelle stesse condizioni».

«Capiamo le preoccupazioni dei genitori e i disagi che certamente si creeranno – dice l’assessore alla Pubblica Istruzione Donatella Martucci – ma cercheremo di contenere lo spostamento delle classi a un periodo limitato in modo tale da gravare il meno possibile sulle famiglie. Abbiamo dialogato a lungo con impresa e dirigenza scolastica proprio per elaborare un cronoprogramma che tenesse conto di tutte le esigenze e procedendo per blocchi distinti potremo garantire agli studenti di poter fare scuola senza subire troppi cambiamenti. Monitoreremo il rispetto dei tempi di concerto con la ditta e con la direzione dei lavori, tenendo sempre aggiornate le famiglie e la scuola».

Redazione

Ultimi da Redazione