Articoli filtrati per data: Mercoledì, 23 Settembre 2020

Giocatore dalla grande esperienza, ha vestito le maglie del Brindisi, Francavilla, Sava, Carovigno e del Mesagne in Promozione ed Eccellenza dal 2014 al 2017.  Offensivo, con particolare talento negli inserimenti tra le linee avversarie.  Dotato di buona tecnica di spinta, che gli consente di essere sempre pericoloso palla a piede.  Abile nel dribling, ed a saltare facilmente il suo avversario, grazie al quale riesce a creare la superiorità numerica. Agirà come esterno di fascia a tutto campo, può essere utilizzato sia da esterno di centrocampo, sia terzino basso, e anche esterno alto in attacco. Non solo quindi corsa, e spinta in avanti, ma in fase difensiva è abile a marcare ed a chiudere sugli attacchi degli avversari.

Le sue parole: "Ho scelto Mesagne perché conosco già l'ambiente, ho voglia di fare un campionato da protagonista. Abbiamo una buona squadra, e lavorando sodo riusciremo a ottenere i risultati sperati."

----------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina
Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube
Per scriverci e interagire con la redazione
contattaci  

Pubblicato in Sport
Mercoledì, 23 Settembre 2020 20:05

RICOMINCIA LA SCUOLA: NON PER TUTTI

L’APS Coloriamo Il Mondo , associazione per l’Autismo di Mesagne che accoglie tra i suoi associati molte famiglie della provincia di Brindisi, con grande rammarico segue la vicenda che riguarda il blocco del Servizio di Integrazione Scolastica che avrebbe dovuto attivarsi domani 24 settembre “contestualmente” all’inizio del nuovo anno scolastico anche per tanti bambini e ragazzi disabili di Brindisi e della sua provincia. L’inizio di un nuovo anno scolastico per famiglie che vivono la disabilità è vissuto con immensa ansia ma nonostante ciò in cuor proprio ogni famiglia cerca di essere fiduciosa e speranzosa che le cose un anno dopo l’altro possano cambiare e magari migliorare. Ma invece ogni anno si ripresentano sempre gli stessi scenari e ciò che è accaduto conferma il tutto. Quest’ anno più di ogni altro anno scolastico, dopo un periodo molto intenso vissuto da famiglie e bambini a causa dell’emergenza sanitaria prima e del lock-down poi, ogni genitore di studente disabile si sarebbe aspettato che il servizio di integrazione scolastica fosse partito puntuale e preciso e che ci fosse stata quindi una maggiore attenzione da parte delle Istituzioni affinché l ‘anno partisse serenamente e senza problemi. L’attenzione purtroppo è decisamente venuta a mancare ed è inconcepibile che la non accettazione di una delibera fatta a poche ore dall’inizio della scuola , possa ricadere sui più fragili. La responsabilità di questa situazione è di tutti coloro che avrebbero dovuto lavorare con largo anticipo affinché la giornata di domani fosse andata in maniera decisamente differente soprattutto dopo questo periodo particolare ed in questa fase ancora di ripresa e riorganizzazione. Tutto ciò è mancanza di attenzione e ci sarebbe da pensare: Forse i troppi impegni di questo periodo hanno fatto perdere di vista le priorità? E’ indubbiamente una mancanza di rispetto verso tante famiglie ma soprattutto verso figli fragili, che sono nostri stessi concittadini e che forse dovremmo tutti iniziare a conoscere un po’ meglio. Speranzosi che questa situazione possa risolversi entro la giornata di lunedì 28 e che inizi ad esserci più attenzione da parte di Tutti verso i più fragili , auguriamo ai nostri studenti un sereno anno scolastico nonostante questo inizio purtroppo “ mancato”.

APS COLORIAMO IL MONDO

 

 

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

 

Pubblicato in Attualità

Il primo giorno di scuola è sempre ricco di emozioni a maggior ragione dopo mesi trascorsi lontani dalle aule a causa della emergenza pandemica. Tuttavia non sono mancati i disagi e le numerose lamentele delle famiglie di alunni diversamente abili, che quotidianamente lottano per veder riconosciuto il diritto all'istruzione dei propri figli. Ci rammarica apprendere che il nuovo anno scolastico ripartirà senza la presenza degli educatori di integrazione scolastica e ci domandiamo forse perché si prevede un contenimento della spesa? Se fosse confermata come ipotesi, comporterebbe un grave rischio per la tenuta del progetto di inclusione.

Ci dispiacerebbe assistere ad un taglio eventuale delle ore degli stessi operatori, pertanto come già risaputo essi ricoprono un ruolo indispensabile che la scuola stessa da solo non potrà mai garantire. Ci auguriamo che tempestivamente già dalle prossime ore venga assicurato l'erogazione del servizio a tutela di una assistenza educativa scolastica centrata sulla autonomia e sulla comunicazione, che si posiziona al pari del sostegno garantito dallo stato italiano. Non vorremmo assistere ad un panorama intrappolato da operazioni matematiche, che non appartengono ai lavoratori a cui deve essere garantito il diritto al lavoro supportato eventualmente da strumenti alternativi quale possibile didattica a distanza extrascolastica.Speranzosi in una soluzione immediata ricordiamo inoltre che tutti gli operatori devono essere muniti dei dispositivi necessari di protezione a tutela della salute pubblica e per il contenimento del contagio e a garanzia del servizio stesso.

Pubblicato in Comunicati Stampa

Lo abbiamo denunciato da tempo ed alla fine è accaduto. L’anno scolastico domani parte a Brindisi senza che l’Amministrazione Comunale sia stata in grado di assicurare i servizi di integrazione scolastica. Un fatto gravissimo che danneggia scolari e studenti disabili, le loro famiglie e gli operatori che non potranno riprendere a lavorare.

Ovviamente da Palazzo di Città non arriva alcuna spiegazione, ma è logico pensare che non ci siano risorse a sufficienza per far partire il servizio.

Un motivo in più perché Rossi colga la palla al balzo e si dimetta. I soldi per pagare gli stipendi di sindaco, assessori, presidente del consiglio e staff si potranno utilizzare per soddisfare i bisogni dei più deboli. Sarebbe una maniera onorevole di chiudere questa esperienza amministrativa con un pizzico di dignità.

Gianluca Quarta – consigliere comunale di Forza Italia 

 

 

 

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

 

Pubblicato in Politica

Un viaggio alla scoperta del canale Reale e della sua storia.  

In occasione delle “Giornate Europee del Patrimonio”, che ricorrono i prossimi 26 e 27 settembre, le associazioni FIAB della provincia di Brindisi, l’Università del Salento e il Politecnico di Bari, con il patrocinio dell’assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia ed il Consorzio di Gestione di Torre Guaceto propongono un’iniziativa che punta a restituire alla comunità locale l’immenso patrimonio naturalistico e culturale del canale Reale. 
Si tratta di un’attività di trekking culturale promossa nell’ambito del processo di elaborazione del “Contratto di Fiume per il canale Reale”, uno strumento innovativo e volontario di governance condivisa per la riqualificazione ambientale e paesaggistica, la valorizzazione e lo sviluppo del territorio fluviale. 
Una giornata dedicata alla riscoperta della Riserva Naturale dello Stato e Area Marina Protetta di Torre Guaceto, muovendo dal sito rupestre della cripta di San Biagio. 
 Nell’ambito dell’evento, sarà possibile apprezzare il contesto naturalistico e la valenza storica del canale Reale che, nel tratto prospiciente la foce, ha generato un solco erosivo, lama, nel quale oggi si trovano insediamenti rupestri di epoca bizantina. 
L’escursione comprenderà un tour guidato del sito rupestre di San Biagio e dell’allestimento museale della torre aragonese della riserva. 
Sono previste anche brevi tappe a Masseria Baccatani e Torre Regina Giovanna. 
Le visite guidate saranno a cura dell’Università del Salento e verranno condotte nel rispetto delle regole anti contagio da Covid. 
Il dettaglio dei luoghi di interesse. 
La cripta di San Biagio, parte di un complesso rupestre più ampio, sorto lungo le pareti rocciose del Canale Reale, a poca distanza dalla masseria Jannuzzo, rappresenta, insieme al vicino San Giovanni, una delle più significative testimonianze di civiltà rupestre della Terra d’Otranto.  
La visita alla Riserva Naturale dello Stato e Area Marina Protetta di Torre Guaceto e, in particolare, all’allestimento a tema storico-archeologico nella cinquecentesca torre di guardia, simbolo stesso della riserva, offrirà ai visitatori la possibilità di conoscere ed apprezzare quanto accadeva in questo territorio in Età romana, poco più di 2000 anni fa. 
Particolare attenzione sarà riservata, più in generale, al racconto dell’evoluzione del paesaggio e delle dinamiche di popolamento antico nel territorio attraversato dal canale Reale. 
Il percorso avrà una lunghezza totale pari a circa 17 chilometri. Per partecipare occorre registrare la propria adesione su undefined 
L’appuntamento è fissato per le 9.30 di domenica 27 settembre presso la cripta di San Biagio, in contrada Iannuzzo, Brindisi. Il rientro è previsto per le ore 18. 
Si consiglia di munirsi di scarpe da trekking o da ginnastica, zainetto a spalla contenente acqua, colazione a sacco, giubbotto antipioggia e costume da bagno e asciugamani nell’eventualità di un bagno a Torre Guaceto. 
È previsto un numero massimo di 90 partecipanti.
 
 

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

 

Pubblicato in Spettacoli e Cultura

Con l’avvio delle lezioni la Asl e la Questura di Brindisi hanno promosso una iniziativa per sensibilizzare gli studenti e il personale scolastico sulle azioni di contenimento del SARS-CoV-2. In tutte le scuole della provincia verranno distribuite locandine che richiamano le principali regole di prevenzione come mascherina, distanziamento interpersonale e igienizzazione delle mani.

Domani, giovedì 24 settembre, il questore Ferdinando Rossi, il sindaco Riccardo Rossi, il direttore generale della Asl, Giuseppe Pasqualone, il direttore del Servizio di Igiene e Sanità pubblica, Stefano Termite, e la dirigente dell’Ufficio scolastico regionale per l’ambito territoriale di Brindisi, Giuseppina Lotito, visiteranno alcuni Istituti del capoluogo.

Questi gli appuntamenti: 7.45 Scuola media Mameli (via della Torretta); 8.10 Istituto De Marco (via Nicola Brandi); 8.40 Istituto Majorana (via Primo Longobardo); 9.15 Morvillo Falcone (via Galanti). In queste quattro scuole, oltre ai manifesti, sarà consegnato anche un kit di mascherine. Un gesto simbolico per sottolineare l’importanza dei dispositivi di protezione, una delle norme anti-Covid.

 

 

 

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

 

Pubblicato in Attualità

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi mercoledì 23 settembre 2020 in Puglia, sono stati registrati 4014 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 89 casi positivi: 29 in provincia di Bari, 2  in provincia di Brindisi, 11 nella provincia BAT, 35 in provincia di Foggia, 2 in provincia di Lecce, 6 in provincia di Taranto, 4 residenti fuori regione.

Sono stati registrati 2 decessi: 1 in provincia di Bari e 1 in provincia di Taranto.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 385490 test.

4.426 sono i pazienti guariti.

2.222 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 7.231, così suddivisi:

2.809 nella Provincia di Bari;

597 nella Provincia di Bat;

763 nella Provincia di Brindisi;

1.727 nella Provincia di Foggia;

767 nella Provincia di Lecce;

509 nella Provincia di Taranto;

58 attribuiti a residenti fuori regione;

1  provincia di residenza non nota.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Pubblicato in Attualità

Nella giornata di oggi, mercoledì 23 settembre - dalle ore 15 alle ore 18 e dalle 20 fino al termine dei lavori - con ordinanza dirigenziale, il responsabile di Polizia Locale di Mesagne ha disposto l’istituzione del transito a senso unico alternato e il divieto di sosta su entrambi i lati delle vie Boemondo Normanno e Ruggiero Normanno. Il provvedimento si rende necessario al fine di garantire i lavori di manutenzione da parte della ditta G.E.A. servizi srl, appaltatrice per conto della società “2i Rete Gas”, che dovrà realizzare gli scavi per l’allacciamento alla rete del gas in via Marconi.

“L’ordinanza si rende necessaria per tutelare la sicurezza della circolazione stradale e garantire la pubblica incolumità. Gli orari indicati sono stati individuati per arrecare il minor disagio possibile all’attraversamento e agli spostamenti di pedoni e autovetture”, ha spiegato il comandante, dottor Teodoro Nigro.

In allegato il testo dell'Ordinanza
----------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina
Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube
Per scriverci e interagire con la redazione
contattaci  

Pubblicato in Comunicati Stampa

Brindisi. Il Piano di Emergenza Esterno (PEE) è l’atto formale con cui si organizza sul territorio la risposta tempestiva ed efficace ad una emergenza scaturita dal verificarsi di un’eventuale incidente rilevante. A Brindisi l’unico PEE predisposto dal  Prefetto risale al 3 luglio 2006. Tale approvazione avvenne dopo una campagna pubblica di pressione promossa proprio dal Forum. E sempre a seguito di pressioni il Piano fu portato a conoscenza della popolazione dall’Amministrazione Comunale nel 2008 con un opuscolo diffuso alle famiglie del capoluogo.

La   normativa che riguarda la questione della sicurezza della popolazione in caso di incidenti industriali rilevanti, il D L.vo 26.6.2015 n. 105,  prevede all'art. 21 comma VI che il PEE  debba essere “riesaminato, perimentato e se necessario aggiornato, previa consultazione delle popolazioni, dal Prefetto ad intervalli appropriati e, comunque, non superiori a tre anni”.

Sul Sindaco ricade, poi,  il compito di portare il piano a conoscenza dei cittadini.

Il Forum ritorna su questo tema così importante per la sicurezza della popolazione anche perché si prefigura la costruzione di nuovi impianti che presentano anche essi un rischio di incidente rilevante secondo la citata normativa. Si pensi al deposito di gas naturale proposto da Edison, solo per riferirsi alle notizie più recenti. Negli stabilimenti in attività da più anni saranno di certo intervenuti cambiamenti e conseguenti aggiornamenti dei rispettivi PEI.

Chiediamo al Prefetto se sia in corso o abbia intenzione di avviare un iter di revisione del PEE dopo 14 anni dalla sua prima, e crediamo unica, formulazione.

FORUM AMBIENTE SALUTE E SVILUPPO

 

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Pubblicato in Comunicati Stampa

Grandinate violente, nubifragi con campi allagati e muri crollati, oliveti e vigneti danneggiati a meno di 24 ore da quando è scattato l’equinozio d’autunno con il clima pazzo che colpisce ancora dopo i fenomeni tropicali di un’estate bollente e imprevedibile. E’ il bilancio di Coldiretti Puglia che segnala danni a vigneti, oliveti e ortaggi tardivi in provincia di Taranto con epicentro a Castellaneta, a Bari sulla Murgia e in provincia di Foggia a Torremaggiore, con chicchi di grandine grandi quanto albicocche cadute sui raccolti, in piena vendemmia in corso e alla vigilia della campagna olearia 2020.

vigneto con danni da maltempo 2“E’ necessario attivare misure urgenti anche del PSR, come la sottomisura 5, per dare ristoro alle aziende agricole che perdono reddito e liquidità in pochi minuti di clima tropicale e contano i danni a strutture ed impianti. Negli ultimi 5 anni dal 2015 al 2019  il valore assicurato è sceso del 49% e il numero di aziende che sottoscrivono polizze assicurative al 43%”, afferma Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Siamo di fronte – sottolinea la Coldiretti – alle conseguenze dei cambiamenti climatici con una tendenza alla tropicalizzazione che si manifesta con grandine di maggiori dimensioni, una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo.

Per questo è da rivedere a fondo – afferma Coldiretti Puglia – anche il meccanismo del Fondo di Solidarietà Nazionale per le calamità naturali che così com’è non risponde più alla complessità, violenza e frequenza degli eventi calamitosi.

“Anche la gestione del rischio e le scelte in tema di assicurazioni in agricoltura vanno profondamente riviste – incalza il presidente Muraglia - perché incidono sulla redditività e sulla liquidità delle imprese agricole, insieme alla corretta programmazione e gestione aziendale. I fenomeni estremi, oltre ad azzerare le produzioni, danneggiano piante e alberi, con una frequenza e una violenza che gli agricoltori non possono in alcun modo gestire e sopportare in solitudine”.

Le ragioni del basso ricorso alle assicurazioni – aggiunge Coldiretti Puglia - è stato spiegato da un sondaggio di Ismea, costi troppo alti, estrema sfiducia nel sistema dei rimborsi, complessità nella sottoscrizione delle polizze con periodo di stipula non più rispondenti ai tempi e alla violenza dei fenomeni divenuti tropicali.

Le evidenze climatiche di questi ultimi anni mostrano come soprattutto sulle colture più diffuse in Puglia, a partire da frutteti, uliveti, ortaggi in pieno campo, pomodori e cereali, sono gli andamenti climatici (pioggia persistente, mancanza di acqua prolungata e siccità, sviluppo conseguente di malattie ecc.) che determinano la diminuzione delle produzioni e quindi dei redditi.

“Lo sviluppo delle assicurazioni in agricoltura non può più prescindere – conclude Muraglia - da nuovi strumenti avanzati, dai satelliti ai sistemi previsionali, dagli indici di vegetazione alle nuove tecnologie e da una maggiore competitività dei prodotti assicurativi”.

La tropicalizzazione del clima con fenomeni violenti e controversi che si abbattono sulle campagne – conclude Coldiretti Puglia - ha provocato 3 miliardi di euro di danni in Puglia negli ultimi 10 anni.

 

 

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Pubblicato in Cronaca
Pagina 1 di 2