Articoli filtrati per data: Lunedì, 14 Settembre 2020

Il presidente della Regione Puglia, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi lunedì 14 settembre 2020 in Puglia, sono stati registrati 1.820 test per l'infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 61 casi positivi: 48 in provincia di Bari, 2 in provincia BAT, 6 in provincia di Foggia, 7 in provincia di Taranto. Due casi già attribuiti nei giorni scorsi a residenti fuori regione sono stati attribuiti oggi alla provincia di Bari.

Sono stati registrati 2 decessi in provincia di Taranto.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 351.539 test.

4.225 sono i pazienti guariti.

1.713 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 6.510, così suddivisi:

2487 nella Provincia di Bari;

520 nella Provincia di Bat;

741 nella Provincia di Brindisi;

1529 nella Provincia di Foggia;

722 nella Provincia di Lecce;

460 nella Provincia di Taranto;

50 attribuiti a residenti fuori regione;

1 provincia di residenza non nota.

 I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

 

 

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Pubblicato in Attualità

Mesagne, estensione della rete di gas metano nelle zone sprovviste. Continua il potenziamento delle infrastrutture di urbanizzazione primaria. E’ stato presentato nella Sala consiliare del Comune di Mesagne -  alla presenza del sindaco Toni Matarrelli e dell’assessore ai Lavori Pubblici, Roberto D’Ancona – l’intervento di oltre quattro chilometri di rete che consentirà a 145 famiglie mesagnesi l’allaccio del metano. Il progetto è interamente finanziato da “2i Rete Gas” ed è stato illustrato nel corso dell’iniziativa dai responsabili locali intervenuti in rappresentanza dell’operatore italiano nel campo della distribuzione di gas naturale, l’ing. Francesco Allegretta e l’ing. Nicola Panico.

E’ prevista una prima fase dei lavori che sarà avviata nelle prossime settimane, meteo permettendo, che interesserà via Favalogna e contrada Manfredonia, per poi proseguire in altre zone della città. Nel 2021, altri otto chilometri di rete saranno realizzati nelle contrade Torretta e Palmitella”, ha spiegato il sindaco Matarrelli.  Nei prossimi due anni saranno coperti circa 16 chilometri di nuova rete per un investimento complessivo di un milione e mezzo di euro, interamente a carico della “2 i Rete Gas”. “Appena i lavori consentiranno l’erogazione del gas nelle condotte, per gli utenti mesagnesi che richiederanno l’allaccio è previsto un trattamento agevolato: 200 euro invece dei 1.400 dei normali contratti”, ha annunciato l’assessore D’Ancona.

L’elenco completo delle vie da metanizzare è il seguente: in zona Favalogna, la via omonima e via San Giuseppe da Copertino; in contrada Mandredonia saranno interessate piazza Capri, via Provinciale per San Vito, le vie Beato Bartolo Longo, Ischia, Alimini, Leuca, Castro Marina, Valle d’Itria, Camigliatello, Sorrento.

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Pubblicato in Politica

matarreMESAGNE - Con nota pervenuta dal dipartimento regionale “Sviluppo economico, Innovazione, Istruzione, Formazione e Lavoro” al Comune di Mesagne, l’Ente è risultato beneficiario di un importo di 195.000 euro quale somma di contributi da destinare alle sezioni primavera per i bambini tra i 24 e 36 mesi, ad interventi edili e di riqualificazione degli arredi, al sostegno delle scuole paritarie dell’infanzia. La Giunta regionale ha approvato il riparto del Fondo per l’attuazione del Sistema integrato di educazione e istruzione dalla nascita sino ai sei anni – istituito con decreto legislativo n.65 del 13 aprile 2017 - rafforzando per il 2020 l’azione strategica avviata nelle annualità precedenti.

 “Il metodo col quale si giunge a tale risultato è produttivo e auspichiamo che possa essere adottato anche in futuro, in quel rapporto di proficua collaborazione istituzionale che si è consolidato con la Regione Puglia: i criteri per il riparto sono stati condivisi con ANCI Puglia, le rappresentanze regionali sindacali, le associazioni di categoria e del Terzo Settore. Si è riusciti a rafforzare un sistema partecipativo e di condivisione dei servizi e degli interventi educativi per l’infanzia, contemperando i bisogni dichiarati dai Comuni con le spese sostenibili”, ha commentato il sindaco Toni Matarrelli. Tra i Comuni pugliesi, rispetto alle risorse assegnate dal ministero dell’Istruzione alla Regione Puglia nel 2019, sono stati ripartiti 18.566.348 euro, due milioni di euro in più rispetto allo scorso anno.

L’assegnazione di tali risorse consente di attivare numerosi benefici indiretti, oltre a consentire realizzazioni immediate e sempre preziose di edilizia e riqualificazione degli spazi scolastici, che in questo momento storico risultano particolarmente significative. Penso al benessere familiare che può derivare dall’efficientamento del sistema di offerta educativa 0-6 anni ma anche alle condizioni per la migliore conciliazione possibile tra vita personale, familiare e professionale”, ha spiegato l’assessore ai Servizi sociali e ai Servizi educativi del Comune di Mesagne, Anna Maria Scalera. Gli interventi finanziati dall’assegnazione del fondo potranno essere realizzati, così come è stato per l’ottenimento del contributo, grazie ad un raccordo sinergico tra la parte politica e la funzione amministrativa dell’area Pubblica Istruzione e Lavori Pubblici.

----------------
Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina
Facebook. Puoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube
Per scriverci e interagire con la redazione
contattaci  

Pubblicato in Attualità

Da domani sarà possibile presentare tramite i nostri Uffici domanda per il riconoscimento di una ulteriore mensilità del Reddito di Emergenza (#REM). Attenzione le domande scadono il 15 ottobre: affrettati e non lasciare nulla al caso, affidati ad Epaca Brindisi.

I nostri contatti:
Ufficio Provinciale di Brindisi: dott.ssa Cristina Conte
mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. cel. 3337281426
Ufficio Zona di Mesagne: Sig.ra Tonia Manelli
mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. cel. 3316653620
Ufficio Zona di Fasano: Sig. Vittorio Casarano
mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. cel. 3386100911

Responsabile Provinciale Epaca: dott. Angelo Carluccio
mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. cel. 3386100945

Consulente Medico: dott. CAMPANA Giovanni
Consulente Legale: avv. Simonetta Galizia

Sezioni e Recapiti Comunali Epaca - Coldiretti dove puoi fissare un appuntamento con i nostri Operatori
Recapito di San Vito dei Normanni Via Donato Carbotti 15, tel 0831609062
Recapito di Ceglie Messapica Via Giovanni XXIII, 5 tel 0831379517
Recapito di Ostuni via Vittorio Veneto, tel 0831339582
Recapito di Latiano Piazza Capitano D’Ippolito, 1 tel 0831721054
Recapito di San Pietro Vernotico Via Carrozzo, 5 tel 083101981302
Recapito di San Pancrazio Salentino Via San Pasquale, 7 tel 0831666541
Recapito di Francavilla Fontana Via Regina Elena, 40/42 tel 0831853205

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci   

Pubblicato in Comunicati Stampa

Una pulizia straordinaria del territorio è stata fatta dal Comune di Mesagne che ha raccolto quintali di spazzatura che persone incivili giornalmente e senza remore gettano nelle campagne. In particolar modo la pulizia ha riguardato la contrada Muro Tenente, nei pressi dell’omonimo parco archeologico, dove alcuni soggetti gettano ripetutamente la spazzatura. Da mettere in evidenza che la discarica abusiva anche se è distante poche centinaia di metri dalla periferia di Latiano è in territorio di Mesagne. Infatti, più volte la polizia locale mesagnese ha contravvenzionato gente di Latiano che aveva abbandonato i rifiuti nell’area. Da qui la decisione dell’assessora all’Ambiente ed Ecologia del Comune di Mesagne, Maria Teresa Saracino, di chiedere alla futura Amministrazione latianese un impegno concreto nell’individuare e contravvenzionare gli sporcaccioni. Dunque, una cascata di euro è uscita, per l’ennesima volta, dalle casse del Comune di Mesagne per effettuare una pulizia straordinaria degli agri imbarbariti dall’immondizia che giornalmente la gente poco incline al rispetto delle regole getta dappertutto. Dalla strada alle campagne, dalle piazzole di sosta alle aree di cantiere. In particolar modo la pulizia ha riguardato la zona del parco archeologico di Muro Tenente da sempre scelta dagli imbrattatori seriali per gettarvi la spazzatura. Gli operatori ecologici hanno raccolto di tutto: dai divani alle scocche di frigoriferi, dalle sedie ai secchi passando per i fusti di plastica. Ed ancora copertoni, sanitari, cartongesso. C’è di tutto nel market del rifiuto. Su quest’ultima situazione è intervenuta l’assessora Maria Teresa Saracino: “Sarebbe opportuno – ha detto - che il Comune di Latiano iniziasse un’attività repressiva e di monitoraggio su Muro Tenente in aiuto e sostegno del Comune di Mesagne che, ad oggi, si sobbarca tutte le spese di polizia e bonifica delle aree interessate. Una fattiva collaborazione che auspico nel futuro”. In ogni modo, a margine della polemica è lecito porsi una domanda. Perché c’è gente che abbandona in strada la spazzatura? Probabilmente per due motivi. Il primo di ordine pratico. C’è chi non differenzia, mette tutto in un sacco e lo abbandona per strada o nelle campagne dove non c’è il controllo dei netturbini. Il secondo è di natura finanziaria. È gente sconosciuta all’anagrafe della tari che non paga la relativa tassa della raccolta e non vuole essere scoperta. Per concludere nel 2019 il Comune di Mesagne aveva raggiunto una percentuale della raccolta differenziata del 71,08 per cento rientrando tra i Comuni pugliesi ricicloni. Ripeterà nel 2020 tale traguardo?

Pubblicato in Attualità