“Cento giochi del mondo perduto”, Interno Libri Edizioni, Latiano 2021

Novembre 23, 2021 462

I giochi fanciulleschi praticati tra gli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso erano parte integrante della tradizione culturale che si specificava nel dialetto, nell’artigianato, nelle tecniche, nelle regole di convivenza civile. Il patrimonio ludico tradizionale, nello specifico quello del nord Salento, è stato notevole e i giochi fanciulleschi del “mondo perduto” nulla hanno a che vedere con i giochi attuali. Il regno dei ragazzi di ieri era l’intero paese, con le periferie che si integravano con la campagna, in un periodo di grandi trasformazioni, quando l’industria di massa portò, quasi a tutti, giocattoli prefabbricati, in plastica o in latta.

Erano giocattoli senz’anima, imposti ai bambini che, da allora, non avrebbero mai più creato, manipolato, progettato, costruito i loro giocattoli e dominato gli spazi ed alcuni tempi della giornata, come i pomeriggi assolati delle lunghe estati. Un tempo i ragazzi, aiutati da qualche adulto, costruivano da se stessi i giocattoli con i materiali che riuscivano a reperire facilmente e con nessuna spesa. Adoperando semplici strumenti di utilizzo comune, i ragazzi riuscivano a raggiungere abilità tecnico manuali complesse, perché costruire un monopattino, un aquilone, un fucile a molla, un arco con relative frecce e il tutto da un vecchio ombrello, una fionda e tanto altro ancora, non era cosa di poco conto.

Marcello Ignone

Nato a Mesagne nel 1954, risiede a Latiano (BR); docente nelle Superiori in pensione; è formatore nazionale UNPLI per il Servizio Civile Universale; insignito della Palma d’oro “Città di Mesagne” per la Cultura e Società, è stato presidente dell'Istituto Culturale Storia e Territorio e fa parte del comitato di redazione dei periodici "Radici" e “Memorie Mesagnesi”; autore di numerosi articoli e saggi di storia, archeologia, tradizioni popolari, cultura cittadina, politica scolastica e società, pubblicati su periodici locali, salentini e nazionali; è autore o coautore di pubblicazioni edite a stampa, tra cui: Sulle antiche orme; Perna e Cola; I Mesagnesi; Repertorio per il dizionario del dialetto mesagnese; Granelli di vita; Poesie di Francesco Bardicchia; Giovanni Messe. L’uomo, il soldato; Contributo allo studio dei soprannomi a Mesagne; Il Dizionario Mesagnese.

---------------

Per restare aggiornato con le ultime news del Gazzettino di Brindisi seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina FacebookPuoi guardare i video pubblicati sul nostro canale YouTube.   

Per scriverci e interagire con la redazione contattaci  

 

Ultima modifica il Martedì, 23 Novembre 2021 07:49