Menu

Brindisi e le Antiche Strade: Brindisi Città Francigena

Brindisi città Francigena timbroL’Associazione “Brindisi e le Antiche Strade” con la delegazione composta

dalla Presidente Rosy Barretta, dall’Arch. Mina Piazzo e dal Dott. Antonio Melcore, insieme al Prof. Giacomo Carito, Presidente della Società Storia Patria sezione di Brindisi, sono stati ricevuti nella giornata di venerdì 4 Ottobre, presso gli Uffici della Regione Puglia dal Dott. Angelo Fabio Attolico, Dirigente del Regione Puglia per il Dipartimento Turismo, Economia e Valorizzazione del territorio e dal Dott. Gianni Sportelli per un incontro relativo ad un’ampia discussione sul ruolo di Brindisi all'interno dei Cammini e Percorsi della Regione Puglia.Brindisi Città Francigena logo Focus principale è stato quello della Via Francigena del Sud, con particolare riguardo per il progetto promosso dall'associazione “Brindisi e le Antiche Strade” relativo al “Cammino del Mare – Lungo l’antica Rotta da Brindisi a Gerusalemme”. La Via Francigena, Franchigena, Francisca o Romea ha un ruolo fondamentale nella ricostruzione della nostra storia ed identità. Essa unisce l'Occidente con l'Oriente, l'età antica con il medioevo, il cristianesimo al paganesimo, è un itinerario trasversale tra basole e tratturi, tra tempi pagani ed imponenti cattedrali e santuari cristiani, tra dolci panorami collinari ad aspri paesaggi montanari. Grazie al lavoro di sensibilizzazione portato avanti dall'Associazione e dalla sensibilità e attenzione dimostrata dall'Amministrazione cittadina, oggi 11 Ottobre il Consiglio Comunale ha approvato all'unanimità l’adesione della Città di Brindisi ai comuni aderenti all'associazione Europea delle Vie Francigene, riuscendo così ad inserirsi in un circuito storico e culturale che sarà in grado di valorizzare quella parte della storia cittadina che vede Brindisi quale Crocevia di Percorsi e Cammini. Basti pensare che a nella nostra città s’intersecano: la Via Appia, La Via Appia Traiana, la Via Francigena del Sud, la Rotta dei Fenici, il Cammino Materano, il Cammino dei fari e il Cammino del Mare lungo l'antica rotta da Brindisi a Gerusalemme , etc. Brindisi aveva un ruolo fondamentale lungo le vie ed i percorsi di pellegrinaggio in quanto i principali ordini cavallereschi avevano in città un proprio avamposto strategico, tante sono infatti le testimonianze storiche, dai nostri Beni Monumentali e Chiese a Trattati ai Libri e Documenti Storici che segnano nelle pagine del tempo l'importante ruolo rivestito dalla città di Brindisi. Basti pensare ad esempio all'importanza della Chiesa del Casale, dove fu celebrato il famoso "Processo ai Templari" o presso l'attuale Casa del Turista sul Lungomare di Brindisi, arsenale dei Cavalieri templari o ancora il Tempietto di San Giovanni al Sepolcro, la piccola copia fedele dell'Anastasis del Santo Sepolcro di Gerusalemme, dove i vari ordini cavallereschi, tra cui appunto i Templari, si fermavano in pellegrinaggio e dove ancora oggi si possono notare i simboli ed i segni del loro passaggio. Brindisi è risaputo, lo dice la storia, era il porto principale dove i pellegrini ed i crociati s'imbarcavano per raggiungere Gerusalemme, da qui anche l'importanza del Cammino del Mare, lungo l'Antica Rotta da Brindisi alla Terra Santa. Ed ora Brindisi torna a riprendere la sua centralità quale crocevia di rotte, percorsi e cammini. Il 18 Ottobre, a Bari, si riunirà la grande Assemblea Generale dell’Associazione Europea delle Vie Francigene che ratificherà l’ingresso della nostra città tra i Comuni della Via Francigena, ponendo quindi le basi per un nuovo futuro per la nostra città lungo gli itinerari turistici e storici. L’Associazione “Brindisi e le Antiche Strade”, continuando nel suo impegno per la città ed in favore della Via Francigena, ha già provveduto a donare all’InfoPoint Turistico sito a Palazzo Nervegna il Timbro di Brindisi Città Francigena che, insieme a quello presente presso il tempietto di San Giovanni al Sepolcro, permetterà ai Novelli Pellegrini di poter timbrare il proprio passaggio in terra di Brindisi permettendo così alla città di poter già accogliere i turisti che percorrono l'antica via di pellegrinaggio. Inoltre, con l'Associazione di Storia Patria sez. di Brindisi, con gli storici che fanno parte della nostra realtà associativa, sono già in progetto vari eventi sul tema per porre attenzione sul ruolo di Brindisi come Crocevia di percorsi e cammini. Per tanto “Brindisi e le Antiche Strade” vuole ringraziare il Dott. Attolico, il Dott.Sportelli ed il Dott. Aldo Patruno della Regione Puglia, così come il Sindaco Ing. Riccardo Rossi e tutti i Consiglieri di Maggioranza ed Opposizione che hanno dimostrato attenzione e sensibilità sulla questione posta all'attenzione del Consiglio Comunale. Inoltre vogliamo ringraziare per il proprio impegno e supporto: Il Presidente Francesco Rutelli, Coordinatore del Gruppo per le Antiche Vie Culturali e Religiose, in primis la via Francigena, presso il Pontificio Consiglio della Cultura. ll Presidente Associazione Europea delle Vie Francigene Dott. Massimo Tedeschi Il Direttore Europeo Associazione Europea delle Vie Francigene Dott. Luca Bruschi Il Direttore del Festival Europeo delle Francigene Arch. Sandro Polci Tutti i Soci e le Socie dell'Associazione Brindisi e le Antiche Strade che con il proprio impegno e professionalità si stanno impegnando con una genuina passione e sforzo di energie fisiche e mentali affinchè Brindisi torni ad avere un ruolo centrale nel panorama storico e culturale. Per ultimo un particolare ringraziamento va a alla Presidente Rosy Barretta che con perseveranza e tenacia ha sempre perseguito questi obiettivi spendendosi in prima persona per amore della città e tale ringraziamento si unisce a quello verso il Segretario Dott. Antonio Melcore e la sua infaticabile collaborazione, egli ha seguito passo dopo passo tutto il lavoro svolto sino ad ora contribuendo allo sviluppo dei progetti e delle attività associative e altrettanto dovuto ringraziamento va all'Arch. Mina Piazzo ideatrice del progetto del Cammino del mare che ha avuto l'intuizione di rilanciare l'antico itinerario percorso da un pellegrino che si è imbarcato da Brindisi nel 1228 per raggiungere Gerusalemme e che costantemente ha seguito le fasi progettuali e le attività associative dando il suo importante contributo. 

Torna in alto