Logo
Stampa questa pagina

Sabato un meeting a Mesagne sul giudice Livatino

livatino rosarioA Mesagne c’è particolare attesa per il convegno “Sub tutela dei: Livatino, testimone di fede e diritto”

che si svolgerà sabato 16 marzo alle ore 19,00 presso il teatro comunale in via Federico II Svevo. Aveva solo 38 anni il giudice Rosario Livatino quando la mattina del 21 settembre 1990 venne inseguito e ucciso da un commando mafioso lungo la strada statale che da Agrigento porta a Caltanissetta. L'auto venne speronata ed il giovane Magistrato, già ferito ad una spalla, tentò la fuga correndo per i campi, ma venne raggiunto e poi ucciso. Uomo di profondissima fede, ha svolto il suo ruolo di magistrato sino al sacrifico sempre con lo spirito di servizio del credente. Ha scritto in una sua riflessione sul ruolo del Giudice: "il compito del magistrato è quello di decidere. Orbene, decidere è scegliere e, a volte, tra numerose cose o strade o soluzioni. E scegliere è una delle cose più difficili che l'uomo sia chiamato a fare. Ed è proprio in questo scegliere per decidere, decidere per ordinare, che il magistrato credente può trovare un rapporto con Dio. Un rapporto diretto, perché il rendere giustizia è realizzazione di sé, è preghiera, è dedizione di sé a Dio". I relatori saranno Domenico Airoma, Procuratore aggiunto presso il Tribunale di Napoli Nord ove indaga in merito al contrasto del fenomeno della così detta terra dei fuochi e Don Giuseppe Livatino, arciprete di Raffadali (AG), parente del Giudice. È il postulatore della causa di beatificazione del Servo di Dio Rosario Livatino. Ha scritto numerose pubblicazioni sulla figura del Giudice Rosario Livatino. L’incontro verrà introdotto da Francesco Laterza, responsabile del settore adulti dell’Azione Cattolica Mesagnese e moderato da Pantaleo Binetti dell’ufficio Diocesano per la Pastorale Sociale. Le conclusioni saranno formulate dall’arcivescovo monsignor Domenico Caliandro. L’evento è organizzato con il patrocinio della Città di Mesagne ed in collaborazione con il Centro Studi Rosario Livatino, la Vicaria Maria Santissima del Carmine di Mesagne, la Camera Penale “Oronzo Melpignano” di Brindisi, l’associazione “Giuseppe Di Vittorio”, gli scout dell’Agesci Mesagne 1, il Leo Club Mesagne, il Lions Club International Club Mesagne.  

Ultima modifica ilGiovedì, 14 Marzo 2019 10:33

Ultimi da Redazione

© 2012 Il Gazzettino di Brindisi - Quotidiano online di informazione regionale con la cronaca in tempo reale, 24h su 24h
Registro stampa Tribunale di Brindisi 01/2006 - Direttore Tranquillino Cavallo
Realizzato da Medì s.r.l. - Amministrazione