Menu

Mesagne, Città dei presepi In evidenza

PRESEPE PERUVIANOMesagne oltre a essere “Città Mariana” e “Città d’arte” molto presto

potrebbe essere nominata anche “Città dei presepi” poiché oltre a avere, in via Profilo, un museo permanente del presepe quest’anno ha allestito nell’antico frantoio ipogeo, di via Eugenio Santacesaria, una collezione di presepi creati dai bravi artigiani che sta avendo un notevole successo di presenze e di apprezzamenti. Oltre a tutto ciò nel soccorpo della Collegiata, in piazza IV Novembre, è stato allestito un presepe settecentesco di arte napoletana. Infine, anche piazza dei Commestibili non ha voluto essere assente da questa rassegna presepiale e i gestori del ristorante Giudamino hanno allestito in un’aiuola un caratteristico presepe. L’idea di creare un museo stabile del presepe è stata del direttore artistico della città di Mesagne, Maurizio Piro, che per anni ha raccolto le donazioni di amici e concittadini di presepi giunti un po' da varie parti del mondo. Attualmente il museo ha sede in via Antonio Profilo in una struttura di proprietà del Comune di Mesagne che è divenuta ormai piccola ad accogliere le varie opere presenti e che gli appassionati vanno donando. Per il futuro l’Amministrazione sta già pensando a collocare il museo in un altro edificio maggiormente prestigioso dove oltre ai presepi artigianali possano trovare posto anche le collezioni di francobolli, cartoline, pubblicazioni con a tema il presepe. “L’arte del presepe fa parte della nostra tradizione natalizia – ha spiegato il direttore artistico, Maurizio Piro – così dal momento dell’insediamento dell’Amministrazione Molfetta abbiamo pensato di arricchire la nostra città di un altro museo dedicato, appunto, al presepe. Il successo è sotto gli occhi di tutti. Per il futuro sarebbe nostro intendimento dotare la collezione di ulteriori testimonianze storiche e folcloristiche, anche con opere pittoriche e scultoree”.  

Torna in alto