Menu

Un successo La Festa del carciofo brindisino

festa-del-carciofo---convegnoA Mesagne è ritornata la gente oltre che l’interesse per la città, per la sua cultura e per le sue colture. Il merito è di un pool di soggetti che si sono messi insieme senza demagogia o rivalità e hanno promosso la seconda edizione de “La festa del carciofo brindisino”. Un vero successo segnato esclusivamente dalla partecipazione di avventori che per diverse ore si sono fatti cullare, da musiche e sapori, nel centro storico di Mesagne. Unica nota stonata la mancata partecipazione di qualche partner che ha perso un’occasione privilegiata per fare squadra e andare oltre lo stretto provincialismo.

La manifestazione è stata organizzata dal Comune di Mesagne, dal Gal “Terra dei Messapi”, dal Codivabri, dalla Provincia di Brindisi e dalla regione Puglia. A coordinare il tutto ci ha pensato l’Associazione “Ristoratori mesagnesi riuniti” che in diversi stand ha preparato dei piatti davvero speciali. festa-del-carciofo---la-folla-di-genteIl fiore all’occhiello della ristorazione locale. Dall’Antico Frantoio a Giudamino Cantina, Dal Paiolo magico a Golosoasi, a Il Veliero, all’Osteria Messapia Antica, a Villa Leta. Sono stati preparati piatti deliziosi come, ad esempio, le trofie al nero di seppia con filetto di cernia e carciofi elaborato da Giuseppe Bonasoro. Il tutto annaffiato da cascate di vino offerto dalle Cantine di Mesagne, Cantine Due Palme e Libera. Interessante anche una brochure che è stata offerta alla gente con all’interno ricette e notizie utili per vivere la città di Mesagne. “Il nostro messaggio e il nostro obiettivo è quello di valorizzare l’agricoltura locale” ha esordito Carmelo Dellimauri, presidente del Consorzio del “Carciofo brindisino”. festa-del-carciofo---standSoddisfatto dell’evento il sindaco Franco Scoditti che ha degustato alcuni piatti rimanendo visibilmente soddisfatto: “La nostra amministrazione promuove e accompagna le iniziative che esaltano il territorio, la sua storia, le sue tradizioni e vocazioni – ha precisato - i suoi saperi e i suoi sapori”. Partner dell’iniziativa è stato il Gal Terra dei Messapi: “Il Gal – ha detto Damiano Franco, presidente del Gal – con tutti gli altri enti promotori dell’iniziativa vuole aiutare questo ortaggio a riprendere il giusto posto nella cultura gastronomica mesagnese che, a causa di un processo di globalizzazione sempre più veloce, rischiava di perdere per sempre”. di-pietrangelo-fabrizio-nello-standInfine gli “artisti della cucina” che hanno dato vita a questa particolare esperienza culinaria sono stati i ristoratori dell’Associazione fondata da poche settimane: “Siamo convinti che il carciofo brindisino può divenire il “core business” di un nuovo sistema di sviluppo incentrato sul marketing territoriale”, ha spiegato il presidente Fabrizio Dipietrangelo. L’appuntamento è per il prossimo anno con la terza edizione.

 

Ultima modifica ilMartedì, 24 Aprile 2012 07:53
Torna in alto