Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 62
  • Errore nel caricamento dei dati del feed
Menu

La viabilità romana tra Scamnum e Muro Tenente

scamnum-muro-tenenteLa difficoltà di rintracciare l’antica viabilità romana nel Salento e in particolare nel territorio di Mesagne è il tema di una conferenza che si svolgerà oggi alle 19 presso il frantoio semi ipogeo che avrà come titolo “Scamnum nell’agro romano”.

Relatore dell’incontro, organizzato dal Comune di Mesagne e dal Centro studi “Antonucci”, sarà lo storico e docente universitario, Cesare Marangio. “Affrontare lo studio della viabilità di una regione come il Salento, scarsamente presente nelle fonti antiche, è oltremodo difficile – hanno spiegato gli organizzatori – essendo la ricostruzione della viabilità antica la risultante di una complessa elaborazione di dati di natura e di provenienza eterogenea, giunta a noi per vie diverse, letta e interpretata con l’ausilio di strumenti differenti”. Particolarmente interessante è la trattazione specifica della via Appia che fu la prima arteria stradale seguita alla conquista romana della regione “anche se è tracciata sull’andamento di una direttrice di lunga durata, già utilizzata da tempo e rimasta sempre di vitale importanza”. Le fonti classiche segnalano quali erano gli itinerari, le distanze o i tempi di percorrenza, le principali stazioni; elementi che consentono di inquadrare un percorso identificabile. Lungo il tracciato viario, che in alcuni settori conserva il lastricato originale, sono accertate tre stazioni principali, Mesochoro, Uria e Scamnum. Le stazioni sembrano a oggi tutte ben individuate, in particolare nel nostro territorio Scamnum è stato da sempre identificato con Muro Tenente. Tuttavia, l’antico centro messapico, lambito dalla via Appia e a lungo esplorato dalla missione olandese, non conserva nulla che possa risalire ad età romana, quando sembra addirittura abbandonato. Sono inoltre da considerare i possibili errori delle fonti letterarie classiche e la mancanza di puntuali riscontri archeologici. Il professore Marangio cercherà di prospettare un plausibile ventaglio di ipotesi che potranno consentire una possibile identificazione del sito.

 

Video

Torna in alto