Menu

Polizia sequestra botti e arresta un individuo In evidenza

POLIZIA BOTTI SEQUESTRATI DIC 2016Personale della Squadra Mobile brindisina,

nel quartiere Sant’Elia, in uno dei garage di un palazzo abitato da numerose famiglie, ha rilevato l’esistenza di un illegale deposito di artifizi pirotecnici, petardi ed altri botti natalizi, pericolosamente stipati insieme, in assenza di elementari misure antincendio e più in generale di sicurezza. Gli operatori della Squadra Mobile hanno rinvenuto e sequestrato ben 10 scatole, per un peso lordo complessivo di 150 chilogrammi, contenenti botti natalizi riferibili alle categorie IV e V della tabella delle materie esplodenti. Il considerevole quantitativo di botti trovato nel garage, stipato in un modesto locale in assenza delle minime condizioni di sicurezza e ai piedi di un palazzo abitato, costituisce di per sé, e com’è intuibile, grave pericolo sicurezza pubblica. Del resto, solo se singolarmente presi gli artifizi sono da ritenersi privi di micidialità, ma complessivamente considerati ed in relazione al luogo di detenzione devono considerarsi senz’altro dotati di quell’effetto distruttivo tale da integrare la violazione delle previsioni normative di cui all’articolo 2 della Legge 895/67 e successive modificazione e cioè l’illegale detenzione di materie esplodenti. Attesa la micidialità del materiale rinvenuto – così come certificata dalla specializzata Unità Artificieri del locale Ufficio di Polizia di Frontiera, di cui veniva richiesto l’immediato intervento e che individuava la presenza di un principio attivo (e cioè la complessiva componente esplodente degli artifizi sequestrati) quantificabile in oltre 28 Kg. – il detentore del medesimo (materiale), sorpreso nel garage dagli Agenti della Mobile, veniva bloccato e tratto in arresto. Lo stesso veniva identificato per il brindisino ventisettenne Nicolò SGURA. Veniva altresì sorpreso nel garage R.A., altro brindisino ventiseienne, il quale aveva poco prima posizionato sul sedile della sua autovettura, una delle scatole contenenti artifizi pirotecnici riferibili al citato SGURA Nicolò. In ragione di ciò, R.A. veniva deferito in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria per il minore e contravvenzionale reato di cui all’articolo 678 del Codice Penale, avendo il predetto detenuto e cercato di trasportare, in assenza di qualsivoglia autorizzazione di polizia, precauzione o misura di sicurezza, una scatola dei menzionati articoli pirotecnici. Dopo le necessarie formalità e i rituali avvisi al Pubblico Ministero, il Sostituto Procuratore della Repubblica Dott. Milto De Nozza, gli operatori della Squadra Mobile traducevano lo SGURA Nicolò, per ivi essere mantenuto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente, presso la Casa Circondariale di Brindisi. Il giovane R.A., ultimata la redazione degli atti, veniva rilasciato.  

Ultima modifica ilLunedì, 26 Dicembre 2016 11:45
Torna in alto